FederbridgeHomeTornei e Festival

Bridge Festival Terme Euganee 2022

Continuano i tornei Nazionali in Italia!
Questi eventi, in un calendario finalmente simile al periodo pre-pandemia, creano un vero e proprio itinerario bridgistico del Bel Paese. Quindi, per chi ha appena gustato l’Amatriciana, è tempo di prepararsi ai sapori del Nord. E magari fare indigestione di dolci IMP e piccanti slam contrati o, purtroppo, ingoiare qualche amara incomprensione dichiarativa: il gusto del Bridge è inalterato a tutte le latitudini.

Inizierà oggi la settimana del Festival delle Terme Euganee, negli anni targato “Galzignano”, poi “Montegrotto”, poi “Abano Terme” perché la sede è variata nel tempo, ma è comunque rimasta sempre nella provincia di Padova. In fondo “bisogna che tutto cambi perché tutto rimanga come prima”, e l’organizzazione ha saputo attraversare egregiamente oltre mezzo secolo di storia, rinnovando perfino se stessa pur di continuare ad assicurare agli appassionati di tutta Italia questo evento poliedrico. Il Festival, quest’anno nuovamente “di Montegrotto” (perché si disputerà all’Hotel Terme Antoniano) comprende il torneo “100 in due” (in programma per oggi, martedì 13 Settembre), il “coppie Miste” (previsto per domani), il “coppie Open” (che si disputerà giovedì) e il gran finale: l’internazionale a squadre (che durerà tre giorni, da venerdì a domenica).

Il tempo è ancora più estivo che autunnale, quindi niente polenta, ma lo “spritz” da queste parti è garantito per tutto l’anno solare. Naturalmente non può essere consumato al tavolo verde (niente bevande alcoliche!), ma il Bridge, come ben sappiamo, non si pratica solamente nella parentesi in cui si hanno le carte e i cartellini in mano, ma comprende anche l’analisi delle smazzate appena giocate, ovvero il conviviale, appassionante, intelligente, istruttivo confronto con gli altri partecipanti, in particolare i più esperti. Esperti, anzi, addirittura campioni, ce ne saranno eccome, pure internazionali: anche questo fa parte del fascino di questo Festival intramontabile. Intramontabile è anche il ricordo di Lino Bonelli, che non è possibile non citare quando si parla di questo evento, che per numerosi anni ha curato insieme all’amico Pierluigi Malipiero, che ora continua con grande forza di volontà ed entusiasmo a organizzarlo anche per onorare la memoria di Lino.

“Il valore di questo Festival non è solamente legato all’evento sportivo, ma rappresenta anche la ripresa del Bridge in presenza dopo la pandemia” ha dichiarato Giuseppe Costa, Presidente del Comitato Regionale del Veneto. Costa coglie l’occasione per presentare uno specialissimo evento che sarà organizzato a Padova il 6 Novembre prossimo, nei locali del celeberrimo Caffè storico Pedrocchi, sede, fra l’altro, dell’antico circolo patavino. È la location più illustre che si possa immaginare in questa zona, il cui valore non è solamente storico. Rappresenta infatti anche la convivialità di prestigio, il ritrovo intellettuale di chi per tutta la vita vuole esercitare la mente e lo spirito e apprendere dagli altri. E il Bridge senza dubbio rappresenta tutto questo. Ancora una volta al timone del torneo ci sarà l’infaticabile Malipiero, e interverrà anche il sindaco della città, Sergio Giordani.

Per ora, però, i riflettori sono accesi su Montegrotto. 100 è la somma delle età che i due componenti di ogni coppia devono avere per partecipare all’evento di oggi.

Francesca Canali

Francesca Canali da alcuni anni è responsabile della trasmissione Vugraph durante i Campionati. Da Gennaio 2013 collabora con la sala stampa della FIGB.

Potrebbero interessarti anche...

Leggi anche...
Close
Back to top button