FederbridgeHomeWorld Youth Transnational ChampionshipsWorld Youth Transnational Championships 2022

Nella griglia

Il torneo a squadre ha consumato la sua fase eliminatoria con i round robin svoltisi durante tutta la giornata di oggi. Al termine, le migliori squadre di ciascuna categoria sono entrate nella griglia dei KO, che nei prossimi giorni assegneranno titoli e medaglie.

In ragione del numero di partecipanti, i tornei più affollati (Under 26 e Under 21) hanno qualificato otto squadre, e partiranno quindi dai quarti di finale, mentre le altre tre competizioni (Under 26 Girls, Under 31 e Under 16) hanno promosso quattro squadre e incominceranno quindi direttamente con le semifinali.

L’Italia è presente, come per i tornei a coppie, in quattro delle cinque competizioni (manchiamo solo negli Under 31). Vediamo quindi come se la sono cavata i nostri alfieri.

Under 26

Abbiamo schierato tre rappresentative, che competevano in una starting list per conquistare uno dei primi otto posti. Ce l’ha fatta, largamente, soltanto la rappresentativa Green che era un po’ la nostra corazzata, schierando Donati, Scatà, Giubilo e Gaiotti cioè quattro argentati di Veldhoven. I ragazzi sono rimasti sempre a galleggiare tra primo e terzo posto, e hanno chiuso secondi, superati da una formazione mista nella quale i due vincitori del torneo a coppie, l’olandese Van Oosten e il canadese Freeman, si sono associati con la coppia israeliana Khutorsky-Zeitak (13esimi a coppie): indubbiamente un avversario pericoloso nei KO.

Rammarico per la formazione Blue: Virginia Lorenzini e Alessia Zaccaro, reduci dall’ottimo risultato ottenuto nel consolation di ieri, erano in squadra con gli Under 21 Ramazzotti-Sanmartino. Con una bella vittoria all’ultimo turno contro l’Australia hanno fallito per un soffio la rimonta nei confronti di France U22, terminando al nono posto.

Non è invece mai stata in corsa per la qualificazione la nostra terza rappresentativa, la formazione Red.

Under 21

Ottima prova della nostra rappresentativa, che ha anche comandato a lungo la classifica fino a due turni dalla conclusione, scivolando poi nel finale al quarto posto, comunque ampiamente sufficiente per garantire la qualificazione ai quarti di finale. Il round robin è stato vinto dai norvegesi.

Molto bravi dunque Alessandro Carletti, Oslo Gardenghi e i due fratelli Antonio e Matteo Lombardi, che si cimenteranno a partire da stamattina nei KO.

Under 26 Girls

Soltanto sei squadre ai nastri di partenza di questa competizione, e tre di queste erano italiane. Era necessario piazzarsi fra le prime quattro per accedere alle semifinali, e ci sono riuscite due delle nostre rappresentative.

Italia Green che schiera le tre sorelle Dalpozzo e Sophia Capobianco, è in pratica rimasta al secondo posto per tutta la durata del round robin (vinto anche questo dalla Norvegia), mentre ha chiuso in quarta posizione Italia White, formata dalle gemelle Pelaggi e da Cristina Brusotti e Zaira Davide, brillanti quarte nel coppie di ieri.

Eliminata invece Italia Red.

Under 16

Undici squadre al via, l’Italia era presenti con i quattro ragazzi che avevano già partecipato all’evento a coppie e cioè Miozzi-Pace e De Angelis-Taranto. Si qualificavano le prime quattro, e purtroppo il nostro quartetto non è riuscito nell’intento classificandosi all’ottavo posto. Hanno concluso al primo posto gli statunitensi di USS Unsinkable.

Infine nell’Under 31 l’India ha confermato la supremazia già espressa nel torneo a coppie aggiudicandosi largamente il primo posto nel round robin.

Da oggi verdetti senza appello: dentro o fuori, questa è la dura legge dei KO.

Enrico Guglielmi

Enrico Guglielmi (GGC001, Tennis Club Genova), socio agonista, scrive per Bridge d'Italia e per BDI Online articoli e commenti sui principali avvenimenti agonistici nazionali e internazionali

Potrebbero interessarti anche...

Back to top button