FederbridgeHomeWorld Youth Transnational ChampionshipsWorld Youth Transnational Championships 2022

Bronzo alle sorelline

Oggi sono state assegnate le medaglie dei tornei a coppie, al World Youth Transnational Championship di Salsomaggiore; e anche noi ci siamo seduti al tavolo della spartizione grazie al bronzo conquistato da Valentina e Federica Dalpozzo. E’ quindi d’obbligo incominciare dal loro torneo, nel nostro racconto della giornata odierna.

Under 26 Girls

Come era logico visto il ridotto numero delle finaliste, si è assistito a un torneo pieno di sorpassi e controsorpassi. A un certo punto la coppia indiana Kamal Patel-Baliran Gurjar sembrava aver preso un vantaggio decisivo, ma poi le inseguitrici si sono riavvicinate e in un finale serratissimo l’hanno spuntata le francesi Bouton-Kurek Beaulieu, relegando le asiatiche al secondo posto. Nello sprint finale per il bronzo ha prevalso l’esperienza delle pur giovanissime ma ormai molto titolate Dalpozzo; ma una altrettanto bella notizia ci arriva dall’ottima prestazione di Cristina Brusotti e Zaira Davide, che sono sempre rimaste in lotta per il podio e che solo all’ultimo sono scivolate di pochissimo al quarto posto. Un’esperienza amara, ma che va unita alla consapevolezza di poter lottare allo stesso livello delle migliori: e i risultati verranno, senza dubbio.

Un altro alloro internazionale per Valentina e Federica, dunque, a pochi giorni di distanza dall’oro di Veldhoven. E’ cambiato il metallo ma le ragazzine sono sempre lì tra le migliori: ed è certo che ce le troveremo per molto tempo, a tutti i livelli.

Under 26

Anche in questo torneo avevamo speranze di medaglia, perché Giovanni Donati e Sebastiano Scatà partivano dal secondo posto conquistato in qualificazione, e andavano certamente considerati tra i favoriti. I due ragazzi si sono battuti bene, restando sempre nelle posizioni di testa (erano anche primi a un certo punto). Ma a un certo punto la coppia eterogenea formata dall’olandese Van Oosten e dal canadese Freeman ha preso il largo, e poi si sono avvantaggiati anche i francesi Boulin-Guillemin. E nella volata per il bronzo hanno prevalso per un soffio i croati Evacic-Bilusic relegando i nostri eroi al quinto posto, superati anche da un’altra coppia francese, Bellicaud-Guth.

Giovannino e Seby hanno già vinto molto, non solo a livello giovanile, e sono entrambi reduci dall’argento di Veldhoven; per cui sicuramente vivranno questo mancato podio come una piccola delusione. Tuttavia, in prospettiva, l’importante è esserci sempre, in queste volate: non sempre può girare nel verso giusto, ma prima o poi il destino restituisce quello che ha tolto. Dunque bravi lo stesso, ragazzi.

Under 21

Hanno vinto gli statunitensi Xu-Kolesnik, scavalcando nel finale gli ungheresi Argay-Kemeny, rimasti in testa praticamente per tutta la gara. Al terzo posto ha chiuso la coppia franco-danese Rombaut-Lahrmann.

La coppia italiana formata da Alessandro Carletti e Matteo Lombardi si è difesa egregiamente, riuscendo a entrare nel finale nella top ten, per l’appunto al decimo posto; prestazione che si aggiunge alla qualificazione conquistata ieri in sicurezza assoluta. Un ottimo piazzamento e tanta esperienza che servirà per avvicinarsi alla vetta della classifica in futuro.

La finale Under 31 è stata dominata, così come le qualificazioni, dagli indiani Roy-Kushari, mentre nell’Under 16 ha vinto la coppia “mista” composta dall’indiano Blatt e dal canadese Li. Non eravamo presenti in queste due finali.

C’eravamo invece nella finale di consolazione, che è stata disputata da tutti i giocatori (ad eccezione degli Under 16) in un girone unico. Sono arrivati terzi assoluti Alvaro Gaiotti e Gabriele Giubilo, che dopo una cattiva partenza hanno iniziato a inanellare top risalendo la classifica fino alle posizioni di vertice. Degna di nota anche la prestazione delle girls Virginia Lorenzini e Alessia Zaccaro, giunte 14esime assolute ma prime della loro categoria.

Da domani si gioca a squadre; abbiamo team agguerriti, speriamo donino soddisfazioni al nostro cuore tifoso.

Enrico Guglielmi

Enrico Guglielmi (GGC001, Bocciofila Lido), socio agonista a Genova, si è laureato in fisica alcune ere geologiche or sono e attualmente sbarca il lunario occupandosi di informatica. Gioca a bridge da un tempo fastidiosamente lungo che è senz’altro meglio non quantificare, visti i risultati. Sempre in ambito bridgistico, oltre a raccogliere copiose messi di zeri nei tornei locali, cura per BDI online la rubrica “Ti racconto una mano”. E’ consigliere del Comitato Regionale Liguria, per conto del quale sta portando avanti un progetto didattico orientato agli studenti e ai dipendenti universitari in collaborazione con il CUS Genova. Il suo nick su BBO è Dasim.

Potrebbero interessarti anche...

Back to top button