CronacaEsteraHome

National americano d’autunno: i vincitori della Reisinger

NICKELL sembrava la sicura vincitrice dopo la semifinale, ma la sua prestazione in finale è stata opaca, tanto non solo da finire seconda, ma anche con un distacco pesante dai vincitori, i quali rispondono al nome di SCHWARTZ, gli stessi della Spingold.

reisinger1_artLa squadra Schwartz

Questa vittoria completa un anno memorabile per i giovani israeliani Lotan Fisher e Ron Schwartz (venticinque anni il primo, e ventotto il secondo), i quali hanno trasformato in oro quasi tutto quello che hanno toccato, ivi includendo il Campionato Europeo a Squadre di Opatija.
Splendidi terzi gli alfieri di BOCCHI (LAVAZZA), i quali finiti a solo mezzo board di distanza dal secondo gradino del podio.

reisinger_class_1
Con la vittoria nella Reisinger, i norvegesi Boye Brogeland ed Espen Lindqvist hanno incassato anche quella nel Goren Trophy, ovvero il trofeo assegnato a chi sia capace di guadagnare il maggior numero di Master Point in un National. I vincitori, che hanno sempre giocato insieme, hanno impacchettato un totale di 363,63 punti, 200 dei quali grazie al titolo più prestigioso. Subito dietro a loro in classifica, anch’essi a pari merito, Fisher-Schwartz.

L’altro evento di grande prestigio conclusosi ieri, il Keohane North American Swiss Teams, è andato ad appannaggio di LYNCH, squadra che, diversamente da NICKELL, non si è lasciata sfuggire il titolo che, grazie all’enorme carry-over con il quale partiva, aveva quasi in tasca dal giorno prima; LYNCH, infatti, quel vantaggio lo ha praticamente raddoppiato!

reisinger2_artLa Squadra Lynch

reisinger_class_2
Concludo con gli italiani: nello stesso evento vinto da LYNCH, ventesimi sono arrivati Valerio Giubilo e Leonardo Cima (quest’ultimo improvvisamente ricomparso nella formazione dopo che vi era mancato fin dall’inizio, ma non so dirvi cosa sia accaduto), mentre Giorgia Botta è giunta seconda nell’ennesimo bracket KO (il Ripe Bracket KO, Flight B, sesto livello).

Arrivederci ai prossimi National, quelli di primavera, che avranno luogo a New Orleans.

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.
Back to top button