HomeQuesiti

In certe situazioni apro molto leggero. Dove lo scrivo nella CC?

Ciao Maurizio,
avrei un dubbio che tu saprai facilmente dissolvere.
Ho cercato di realizzare una carta delle convenzioni completa, con tutti gli sviluppi in funzione della zona, avendo due sistemi diversi, uno da utilizzare in zona e l’altro in prima.
Quando però si è terzi di mano, a compagno Passato, le deroghe di forza o di lunghezza sono situazioni normali, ad esempio, se in prima l’apertura di 1SA è di 12/15, terzo di mano a compagno Passato aprire di 1SA con 10 punti è una situazione abbastanza normale, ma scrivere sulla carta delle convenzioni che l’apertura di 1SA in prima è nel range 10/15 sarebbe fuorviante per gli avversari, perché solo terzi di mano a compagno Passato farei un’apertura di 1SA molto leggera.
Così per altre situazioni, tipo le sottoaperture con la sesta e terzi di mano, a compagno Passato, anche solo con la quinta.
Pensavo pertanto che una soluzione corretta, soprattutto nei confronti degli avversari, sarebbe di scrivere nella parte dedicata ai pre-Alert, dove già indico ad esempio il metodo difensivo in conto rovesciato, la seguente frase: “terzi di mano, a compagno Passato, significative deroghe di forza e di lunghezza”.
Ti sembra possa essere una soluzione corretta?
Grazie per il consiglio che mi potrai dare
Oscar Sorgato (SRR029, Circolo Eremitani)

Ciao Oscar,
la zona del pre-Alert non è quella giusta. Il punto dove inserire questo tipo di informazione è il frontespizio, ed in bella evidenza.
Tuttavia, quello del piazzamento non è il solo problema, perché non ti puoi limitare ad avvertire della possibilità della variazione. Devi anche, ed in dettaglio, spiegare a quali condizioni questo possa avvenire, e con quali requisiti distribuzionali e/o di forza. In definitiva, devi offrire agli avversari tutte le informazioni in tuo possesso, derivanti dalla stile personale e/o di coppia (cfr. Articolo 40 del Codice di Gara).
Cordiali Saluti,
Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Leggi anche...
Close
Back to top button