HomeQuesiti

Errata spiegazione

Ciao Mau,
sono Bobo, volevo solo un tuo parere tecnico su di una licita capitata in un torneo di circolo. Premetto che di fatto non me ne fregava più di tanto. La licita va 1Quadri alla mia destra, io Passo, 1Picche a sinistra e chiedo cosa giocano, l’avversario di sinistra risponde Quinta maggiore Quadri quarte.
Passo del mio, 1SA dell’apertore, Passo, 2Fiori a sinistra, Passo, 3Fiori dell’apertore, Passo, 3SA.

E’ evidente dalla licita che l’apertore ha 5 carte di Quadri, 4 carte di Fiori, e i resti probabilmente 3 carte di Cuori e una di Picche o una 2/2. Con queste informazioni decido il mio attacco. In verità l’apertore ha 4 carte di Fiori, 4 carte di Quadri, 2 carte di Picche e 3 carte di Cuori. L’avversario di sinistra, sono certissimo, ha risposto correttamente ed in assoluta buona fede perché questi erano gli accordi.
La domanda: dal momento che questa licita difforme ha condizionato il mio attacco, posso chiedere una compensazione arbitrale? Seconda domanda: cosa dovrebbe fare l’Arbitro?
un abbraccio,
Bobo Cambiaghi (CMT017, ASD N. Canottieri Olona)

Ciao Bobo,
il problema va trattato in maniera diversa, a seconda delle due diverse circostanze che ti elenco:
A) La spiegazione era del tutto conforme al sistema, ed è l’apertore ad essersi preso una licenza. Allora, secondo quanto dice l’Articolo 75 del Codice di Gara, paragrafo C, non avevi diritto ad alcuna compensazione.

La realtà – sospetto che questo fosse lo scenario – è che i tuoi avversari, o come minimo l’apertore (la qual cosa, ai termini dell’Articolo 40 del Codice di Gara, è lo stesso), in realtà aprissero di 1Quadri con 4 carte di Quadri e 4 carte di Fiori, accordo che giustificherebbe la sequenza in questione. Se è così – lo ribadisco, è al minimo probabile che lo fosse, perché è un problema molto comune al giorno d’oggi, nonché maltrattato spesso da giocatori e Arbitri – allora, ex Articolo 75 del Codice di Gara, paragrafo B, avevi certamente diritto a chiedere un risarcimento, ma per dirti quale mi servirebbe l’intero diagramma delle carte. Posso però spiegare che cosa avrebbe dovuto fare l’Arbitro: andare a chiedere a dei giocatori che cosa avrebbero attaccato con la spiegazione giusta, e poi modificare (o meno) il risultato di conseguenza.
Un abbraccio affettuoso,
Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Leggi anche...
Close
Back to top button