HomeQuesiti

Dubbi su quando è obbligatorio Alertare

Ciao Maurizio,
vorrei un tuo parere su una questione molto delicata quale è la nostra normativa di Alert.
Come ben sai è estremamente difficile anche per noi Arbitri capire che cosa vada Alertato e che cosa no, figuriamoci per i giocatori!
Mi piacerebbe che venisse fatto qualcosa per diradare la nebbia e dare qualche certezza a tutti, magari riscrivendo la normativa in maniera più esauriente, oppure creando un manualetto con esempi in modo poi che per similitudine si possano interpretare i casi dubbi; so che è tutt’altro che facile, anche per la mancanza di quello “standard” che semplificherebbe la vita a tutti, ma ritengo che sia necessario. Andrebbe anche, secondo me, fatta una più ampia informazione presso gli arbitri perché mi pare che “paese che vai Alert che trovi”: per farti un esempio, stupido ma significativo, l’apertura di 1Fiori da quinta nobile quadri quarte non viene quasi mai Alertata dalla stragrande maggioranza dei giocatori a loro dire perché “l’Arbitro ha detto che non va Alertata” e se il buongiorno si vede dal mattino…
L’ultimo dubbio che mi è venuto e sul quale vorrei sentire la tua opinione è il seguente:

secondo te il 4SA è da Alertare:
– mai
– sempre
– quando ha un significato diverso da Blackwood

Io ritengo che se pure 4SA Blackwood sia convenzionale, è il significato che quasi tutti attribuirebbero a tale licita per cui potrebbe essere corretto non Alertarla, mentre debba essere Alertata negli altri casi.
E’ solo uno dei tanti casi in cui la normativa è carente o addirittura fuorviante (quasi tutti credono di sapere che le licita a livello 4 o più non si Alertano).
Grazie per l’attenzione, ti invio i miei più cari saluti
Roberto Zaleri (ZLT005, C.lo del Bridge Trieste)

Ciao Roberto,
la questione è certo molto complessa e, come sai, ho più volte sollecitato uno standard, proponendo anche il modo di realizzarlo (un’indagine lunga un anno, sul modello di “The Bridge World”. Proprio ad Atlanta, c’è stato un caso che ha richiesto oltre due ore di analisi e discussione, proprio perché non era chiaro se una certa licita andasse Alertata oppure no (a livello internazionale, la situazione è altrettanto, se non più complicata che in Italia).
Ciò che causa problemi è comunque la presenza di abitudini molto diverse in giro per il Paese (il motivo per cui la questione è amplificata a livello internazionale), problemi che non verrebbero risolti da uno standard, il quale avrebbe valore nei nostri campionati, ma non nei tornei locali, dove le singole organizzazioni avrebbero ancora il potere (e, in certi casi, il dovere, stanti le marcate differenze tra certi circoli, e l’ambito nazionale).
Per quanto riguarda l’apertura di 1Fiori che citi, ciò che è davvero assurdo è che gli arbitri siano sordi ai ripetuti richiami in merito, e manchino di informarsi ed aggiornarsi. Questo è però un problema diverso, che spero poter presto avviare ad una soluzione.
Infine, non c’è alcun dubbio che 4SA vada Alertato se di significato diverso da “richiesta d’assi”. È quello infatti l’unico significato “atteso”.
Cari Saluti,
Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Back to top button