La riduzione di atout è una manovra di gioco con il morto.
Quando si applica: Si applica in casi in cui è necessario catturare un’atout avversaria apparentemente non catturabile (con le manovre più tradizionali come l’impasse).
In cosa consiste: Il dichiarante “riduce” il numero delle proprie atout dalla parte più lunga, portandosi ad averne tante quante l’avversario.
Requisiti:
– Ingressi. Avere un adeguato numero di rientri al morto (pari al n° di riduzioni da effettuare + 1)
– Colore da tagliare. Avere la possibilità di effettuare dei tagli per portarsi ad avere lo stesso numero di atout dell’avversario.
– Riuscire ad evitare di subire dei tagli precedentemente.
Esempi pratici
Esempio 1 (semplificato)

Il dichiarante non può andare al morto e fare l’impasse al Fante perché non ha atout al morto per effettuare la manovra.
Quindi:

1. Effettua la riduzione: opera due tagli in mano, in modo da rimanere con sole due atout, come l’avversario.
2. Gioca una carta franca dal morto, per far tagliare l’avversario.
3. Supera l’atout dell’avversario.
4. Batte l’atout rimanente.

Esempio 2


– Sud gioca 4Picche. La difesa incassa immediatamente FioriAKQ e torna Quadri.
Il dichiarante è “a book”, ovvero non può perdere altre prese.

– Sud prende il ritorno Quadri con il QuadriK.
– Batte PiccheA e PiccheK e scopre la cattiva divisione delle atout.

L’unica manovra che, a questo punto, può fargli fare la mano (perché permette di non perdere il PiccheJ) è la riduzione d’atout.

– Il dichiarante verifica quindi di avere i requisiti per effettuare la manovra:

Ingressi. Ha bisogno di portarsi ad avere tante atout quante Est (quindi 2). Ha ancora 4 atout in mano, dunque deve effettuare 2 riduzioni. Gli servono pertanto 3 rientri al morto (il n° di riduzioni da effettuare + 1). Ha CuoriA, CuoriK e QuadriA.
Colore per tagliare. Per portarsi ad avere 2 atout in mano deve effettuare 2 tagli. Il colore di Quadri permette di effettuare tagli.

Procede quindi in questo modo:
– gioca piccola Quadri per l’Asso;
– taglia una Quadri (prima riduzione);
– rientra al morto con l’CuoriA;
– taglia una Quadri (seconda riduzione);
– rientra al morto con l’CuoriK, per l’auspicato finale: