Art. 90 – PENALITÀ PROCEDURALI

A. Autorità dell’Arbitro: l’Arbitro, oltre a mettere in atto le rettifiche previste da questo Codice, può anche assegnare penalità procedurali per qualsiasi infrazione che senza motivo ritardi od ostacoli il gioco, infastidisca gli altri concorrenti, violi la corretta procedura, o richieda l’attribuzione di un punteggio arbitrale ad un altro tavolo.

B. Infrazioni soggette a penalità procedurali: i seguenti sono esempi di violazioni soggette a penalità procedurali (le violazioni possibili non sono però limitate a queste):

  1. presentazione alla gara di un concorrente dopo l’orario d’inizio stabilito;
  2. gioco ingiustificatamente lento da parte di un concorrente;
  3. discussioni su licita, gioco o risultato di un board che possano essere percepite ad un altro tavolo;
  4. comparazione non autorizzata dei punteggi con un altro concorrente;
  5. toccare o maneggiare carte appartenenti ad un altro giocatore (vedi Articolo 7 del Codice di Gara);
  6. sistemare una o più carte in una tasca sbagliata del board;
  7. errori di procedura (come il mancato conteggio delle proprie carte, il gioco di un board sbagliato, ecc.) che richiedano l’attribuzione di un punteggio arbitrale per un qualsiasi concorrente;
  8. mancare di ottemperare prontamente ai regolamenti del torneo o a qualsivoglia istruzione dell’Arbitro.

 

Indice Articoli del Codice di Gara