Art. 81 – L’ARBITRO

A. Ruolo ufficiale: l’Arbitro è il rappresentante ufficiale dell’Organizzatore del Torneo.

B. Restrizioni e responsabilità

  1. L’Arbitro è responsabile della conduzione tecnica in loco della manifestazione. Egli ha il potere di ovviare a qualunque omissione da parte dell’Organizzatore del Torneo.
  2. L’Arbitro applica, ed è tenuto ad agire entro i loro limiti, questo Codice ed i Regolamenti supplementari che siano stati adottati grazie all’autorità conferita da questo Codice.


C. Doveri e poteri dell’Arbitro:
 l’Arbitro (e non i giocatori) ha la responsabilità di rettificare irregolarità e risarcire danneggiamenti. I doveri e i poteri dell’Arbitro normalmente includono anche quanto segue:

  1. mantenere la disciplina e assicurare un ordinato procedere del gioco;
  2. amministrare ed interpretare questo Codice ed informare i giocatori dei loro diritti e delle loro relative responsabilità;
  3. rettificare qualsiasi errore od irregolarità della quale venga a conoscenza in qualsiasi maniera, entro i termini di tempo per le correzioni stabiliti in accordo con l’Articolo 79 del Codice di Gara paragrafo C;
  4. stabilire le rettifiche quando esse siano applicabili, ed esercitare i poteri assegnatigli nell’Articolo 90 del Codice di Gara e nell’Articolo 91 del Codice di Gara;
  5. condonare a buona ragione rettifiche, a propria discrezione, su richiesta della linea innocente;
  6. comporre i contenziosi;
  7. riferire qualunque materia ad un organo appropriato;
  8. trasmettere i risultati per la loro registrazione ufficiale se così richiesto dall’Organizzatore del Torneo, ed occuparsi di qualunque altra competenza a lui delegata dall’Organizzatore del Torneo.


D. Delega dei doveri:
l’Arbitro può delegare qualunque dei suoi doveri ad assistenti, ma non è per questo sollevato dalla responsabilità per il loro corretto espletamento.

Indice Articoli del Codice di Gara