Art. 74 – CONDOTTA ED ETICHETTA. A. Atteggiamento appropriato:

  1. Un giocatore dovrebbe mantenere in ogni momento un atteggiamento cortese.
  2. Un giocatore dovrebbe evitare accuratamente qualsiasi rilievo o azione che possa provocare fastidio o imbarazzo ad un altro giocatore, o che possa interferire con il godimento del gioco. 
  3. Ogni giocatore dovrebbe seguire una procedura uniforme e corretta nel licitare e nel giocare. 


B. Etichetta: 
per questioni di cortesia un giocatore dovrebbe astenersi dal:

  1. prestare insufficiente attenzione al gioco.
  2. fare commenti gratuiti durante la licita ed il gioco.
  3. estrarre una carta prima del suo turno di gioco.
  4. prolungare senza necessità il gioco (come continuando a giocare pur sapendo che tutte le prese sono sicuramente sue) allo scopo di sconcertare un avversario.
  5. chiamare e rivolgersi all’Arbitro in modo che sia scortese nei confronti dell‘Arbitro medesimo o nei confronti di altri giocatori.


C. Violazione della procedura:
 le seguenti sono esempi di violazioni della procedura:

  1. 1. usare designazioni diverse per la stessa chiamata.
  2. indicare approvazione o disapprovazione per una chiamata o una giocata.
  3. mostrare l’aspettativa o l’intenzione di vincere o perdere una presa che non è stata ancora completata.
  4. commentare o comportarsi, durante la licitazione o il gioco, in modo tale da richiamare l’attenzione su un fatto significativo, o sul numero di prese ancora necessario per avere successo.
  5. guardare insistentemente un qualunque altro giocatore durante la licita o il gioco, o guardare la mano di un altro giocatore con il proposito di vedere le sue carte, o di osservare da quale posizione egli estragga una carta (ma è corretto agire sulla base di un’informazione acquisita vedendo involontariamente una carta di un avversario(*)).
  6. mostrare un’evidente mancanza di ulteriore interesse per una mano (come ammucchiando le proprie carte).
  7. variare il normale ritmo di chiamata o di giocata con il proposito di sconcertare un avversario.
  8. lasciare senza necessità il tavolo prima che sia chiamato il cambio.

 

(*): Vedi l’Articolo 73 del Codice di Gara paragrafo D2 quando un giocatore potrebbe aver mostrato le sue carte intenzionalmente.


Indice Articoli del Codice di Gara