Art. 7 – CONTROLLO DEI BOARD E DELLE CARTE

A. Sistemazione del board: quando un board debba essere giocato, esso viene sistemato al centro del tavolo fino a che il gioco non sia completato.

B. Estrazione delle carte dal board: 

  1. Ciascun giocatore estrae una mano dalla tasca corrispondente al proprio punto cardinale.
  2. Ciascun giocatore conta le sue carte, tenendole coperte, ed assicurandosi di possederne esattamente tredici; dopo di che, e prima di effettuare una chiamata, deve obbligatoriamente prenderne visione.
  3. Durante il gioco, ciascun giocatore mantiene il possesso delle proprie carte, non permettendo che vengano mischiate con quelle di un qualunque altro giocatore. I giocatori non possono toccare altre carte se non le proprie (ma il dichiarante può giocare le carte del morto in conformità ai disposti dell’Articolo 45) durante o dopo il gioco, eccetto che con il permesso dell’Arbitro.


C. Ricollocazione delle carte nel board
Al termine del gioco ogni giocatore dovrebbe mescolare le proprie tredici carte originarie, dopo di che dovrebbe riporle nella tasca del board corrispondente al proprio punto cardinale. Dopo di ciò, le mani non debbono essere estratte nuovamente dal board, a meno che non sia presente almeno un componente di ciascuna delle due coppie, oppure l’Arbitro.

D. Responsabilità riguardo alle procedure
Ogni giocatore che rimane fisso al tavolo dall’inizio alla fine di una sessione è il principale responsabile del mantenimento delle appropriate condizioni di gioco al tavolo.

Indice Articoli del Codice di Gara