Art. 6 – MESCOLATURA E DISTRIBUZIONE

A. Mescolatura: prima che il gioco cominci, ogni mazzo di carte deve essere completamente mescolato. Ci dovrà essere un taglio nel caso esso sia richiesto da uno dei due avversari.

B. Distribuzione: le carte devono essere distribuite coperte, una alla volta, fino a formare quattro mani di 13 carte ciascuna; ogni mano viene quindi sistemata coperta in una delle quattro tasche del board. La procedura raccomandata è che le carte siano distribuite in rotazione, in senso orario.

C. Presenza delle due coppie: durante la mescolatura e la distribuzione deve essere presente al tavolo almeno uno dei componenti di ogni coppia, a meno che l’Arbitro non disponga altrimenti.

D. Nuova mescolatura e nuova distribuzione:

  1. Se si accerta, prima che sia intrapresa l’azione iniziale della licitazione di un board, che le carte erano state distribuite in modo non corretto o che, durante la smazzatura e la distribuzione, un giocatore avrebbe potuto aver visto una carta appartenente ad un altro giocatore, si dovrà dar luogo ad una nuova smazzatura e distribuzione. Da quel punto in poi, nel caso di visione accidentale di una carta appartenente alla mano di un altro giocatore prima che venga portato a compimento il gioco di quel board, viene applicato l’Articolo 16 del Codice di Gara paragrafo C (ma vedi Articolo 24 del Codice di Gara). Qualunque board che sia stato distribuito in modo illegale è un board non conforme, e per qualunque altra irregolarità ci si deve riferire all’articolo pertinente.
  2. A meno che lo scopo del torneo non sia quello di rigiocare mani passate, nessun risultato potrà essere considerato valido se le carte sono state distribuite senza mescolarle(*), o se la smazzata è stata importata da un’altra sessione (queste disposizioni non dovranno tuttavia essere considerate di ostacolo all’eventuale proposito di un cambio di board tra tavoli).
  3. Secondo il dettato dell’Articolo 22 del Codice di Gara paragrafo A, devono esserci una nuova mescolatura e distribuzione quando ciò venga richiesto dall’Arbitro per qualunque ragione che sia compatibile con il Codice (ma vedi Articolo 86 del Codice di Gara paragrafo C).


E. Opzioni dell’Arbitro in materia di mescolatura e distribuzione:

  1. L’Arbitro può richiedere che la mescolatura e la distribuzione siano effettuate ad ogni tavolo immediatamente prima che cominci il gioco.
  2. L’Arbitro può eseguire lui stesso in anticipo la mescolatura e la distribuzione.
  3. L’Arbitro può assegnare a suoi assistenti, o altro personale specificamente deputato, l’incarico di eseguire in anticipo la mescolatura e la distribuzione.
  4. L’Arbitro può richiedere un diverso metodo di distribuzione o predistribuzione in modo da riprodurre le medesime aspettative di assoluta casualità di cui ai punti A e B precedenti.


F. Duplicazione dei board:
qualora richiesto dalle condizioni nelle quali si gioca, una o più copie esatte di ciascuna delle smazzate originali possono essere realizzate dietro specifico ordine dell’Arbitro. Qualora egli così decida, non dovrà normalmente verificarsi nessuna ridistribuzione di una mano (sebbene l’Arbitro abbia il potere di ordinarlo).

(*): Nell’originale inglese c’è una nota che non avrebbe senso nella versione italiana, dato che si riferisce ad un termine che si è scelto di rendere invece nella nostra lingua con una locuzione. In particolare, nell’originale al posto di “distribuite senza mescolarle” si dice “dealt from a sorted deck” ovvero, letteralmente “distribuite utilizzando un mazzo intatto”. La nota omessa – la quale rappresenta un’aggiunta rispetto alla versione precedente, specifica cosa si intenda per “mazzo intatto”: “un mazzo che non sia stato modificato in modo casuale rispetto alle sue condizioni precedenti”. La terminologia usata è la stessa del precedente Codice, ma la precisazione è, nell’originale, di qualche utilità, dato che la versione 1997 dava adito al dubbio che ci si riferisse solamente ad un mazzo di carte intonso (N.d.T.).

Indice Articoli del Codice di Gara