Art. 53 – ATTACCO FUORI TURNO ACCETTATO 

A. Attacco fuori turno trattato come attacco corretto: ogni attacco a carta scoperta fuori turno può essere trattato come un attacco corretto (ma vedi l’Articolo 47 del Codice di Gara paragrafo E1). Esso diventa un attacco corretto se il dichiarante, o ciascuno dei due difensori, come può succedere, lo accetta, facendo un’esplicita dichiarazione in tal senso, o se viene effettuata una giocata dalla mano che è successiva in rotazione rispetto all’attacco irregolare (ma vedi C). Se non vi è tale accettazione o giocata regolarizzatrice, l’Arbitro richiederà che l’attacco sia fatto dalla mano cui spettava (e vedi l’Articolo 47 del Codice di Gara paragrafo B).

B. Il giocatore sbagliato gioca una carta sull’attacco irregolare del dichiarante: se il difensore alla destra della mano dalla quale è stato effettuato l’attacco fuori turno del dichiarante gioca dopo l’attacco irregolare (ma vedi C), l’attacco rimane e si applica l’Articolo 57 del Codice di Gara.

C. Attacco regolare successivo all’attacco irregolare: atteso il rispetto dell’Articolo 53 del Codice di Gara paragrafo A, se il turno di attacco spettava ad un avversario del giocatore che ha attaccato fuori turno, quell’avversario può fare il suo attacco regolare nella presa in cui è stata commessa l’infrazione senza che la sua carta sia considerata come giocata in risposta all’attacco irregolare. Quando questo accada, l’attacco regolare rimane, e tutte le carte giocate erroneamente in questa presa possono essere ritirate. Trova applicazione l’Articolo 16 del Codice di Gara paragrafo D ma non vi sarà alcuna ulteriore rettifica.

Indice Articoli del Codice di Gara