All’indomani della festa della donna, il Bridge italiano si prepara a designare la propria Nazionale femminile.
Dal 9 all’11 marzo, il Palazzo dei Congressi di Salsomaggiore Terme accoglie la sfida per la maglia Azzurra fra le due formazioni rimaste in gara.
Da un lato, la rappresentativa Colombo (Gloria Colombo Brugnoni, Monica Aghemo, Monica Buratti, Debora Campagnano, Claudia Pomares Y De Morant, Mietta Preve), che due settimane fa è riuscita nell’impresa di fermare in Semifinale la favorita Fornaciari in un incontro carico di emozioni e in bilico fino all’ultimo turno.
Dall’altro, la squadra Persiani (Isabella Persiani cng, Margherita Costa, Carla Gianardi, Chiara Martellini, Silvia Martellini, Enza Rossano, Elena Ruscalla), che in Semifinale ha battuto la forte formazione di Breno e ora ha un doppio onere: aggiungere al proprio guardaroba il capo più ambito da ogni bridgista italiano, la maglia Azzurra, ma anche riscattare la gemellata Fornaciari.
Il Bridge andrà avanti praticamente senza sosta per l’intero weekend al ritmo di 16 smazzate per otto turni di gara, dal primo pomeriggio di oggi a quello di domenica. 48 ore per incoronare il sogno di diventare titolare della squadra che rappresenterà l’Italia ai prossimi Europei, in programma ad Ostenda, in Belgio, fra il 9 e il 16 giugno. La manifestazione più importante del continente vale per la qualificazione ai Campionati del Mondo, un appuntamento che l’Italia ha centrato nelle ultime due edizioni: brillantemente nel 2014, quando ad Opatija le ragazze Azzurre hanno sfiorato l’oro (precipitando al quarto posto con l’ultimo dei 23 turni di gara), e grazie al supporto della sorte nel 2016, quando a Budapest l’ottava posizione, formalmente due gradini sotto la linea rossa, fu sufficiente per conquistare un pass per Lione (la Francia, seconda classificata, poteva presentare una squadra in quanto nazione ospite, e una rappresentativa africana ha rinunciato al proprio diritto, determinando il ripescaggio dell’Italia).
Curiosamente, nessuna delle giocatrici di Opatija e Budapest è presente a Salso a contendersi un posto da titolare.
La Federazione ha predisposto la diretta di ogni turno e il commento sia in sala aperta (in italiano) che in chiusa (in inglese).