Il torneo indiano, giunto alla sua quindicesima edizione, ha da poco raggiunto i vertici internazionali, ovvero da due anni, da quando, cioè, è stato dotato di un montepremi davvero importante. Il primo premio era infatti l’equivalente di quasi 50.000$, e questo ha attirato numerosi giocatori di grande valore.

Tra di essi i membri della squadra LAVAZZA, e quelli della squadra ZWEDERLANDS, che ha conteso agli alfieri della casa di Torino il titolo ed il ricco assegno. I primi si presentavano nella formazione classica Bocchi-Sementa, Bilde-Duboin (mancavano quindi Bianchedi-Madala, impegnati in Brasile nello stesso momento), mentre i secondi schieravano gli svedesi Nystrom-Upmark (campioni olimpici a Lille nel 2012) e gli olandesi van Proojien-Verhees, campioni del mondo nel 2011 a Veldhoven.

Il match ha avuto un andamento piuttosto singolare, dato che sono stati pochissimi gli swing in doppia cifra, sebbene i protagonisti fossero entrambi dei bombardieri. Le mani, come vedremo, si prestavano molto poco a muovere punti, ma un ruolo importante l’ha giocato anche uno stile abbastanza simile, sebbene nell’ambito di sistemi diversi: naturale per gli alfieri di LAVAZZA, e fiori forte per i loro avversari (canapè per gli olandesi).

Il primo tempo, che vedremo qui, è stato il più piatto di tutti: di swing in doppia cifra non se ne è vista nemmeno l’ombra.
Il match è iniziato con una mano banale da dichiarare e da giocare, e poi ZWEDERLANDS ha segnato il primo IMP grazie ad una strana presa in meno al tavolo di Duboin-Bilde nell’altrimenti ovvio contratto di 3NT, dove dieci prese sembrerebbero di rigore. Purtroppo manca la registrazione del gioco in sala aperta, e così non so spiegarvi il motivo della discrepanza.

Attacco: PiccheJ
N/S = -420

Attacco: Quadri8
N/S = -420

Attacco: CuoriQ
N/S = +600

Attacco: Cuori8
N/S = +630

Non è invece stato piatto il board 3, che ha visto versare il primo sangue di una certa qual entità.

Attacco: Cuori3
3 down, N/S = -500

Attacco: Cuori2
+3, N/S = -180

Bilde non è certo stato molto fortunato a trovare le fiori così com’erano, e ancor meno fortunato è stato Duboin a dover giocare la mano. Per fortuna del dichiarante Ovest ha attaccato a cuori, e così Sud ha potuto cavarsela con tre prese di caduta mettendo l’Asso del morto e rigiocando nel colore, perché con l’attacco in atout la difesa poteva ottenere il -4: FioriQ, tre giri di picche e poi quadri. Stesso risultato se Duboin non avesse avuto l’ispirata accortezza di mettere l’Asso sull’attacco, perché col colore bloccato la difesa avrebbe potuto giocare come sopra, senza che lui, come ha invece fatto, fosse in grado di scartare la seconda quadri del morto sulla CuoriQ.
A conti fatti, non è dato sapere come sarebbe finita la mano senza la licita di 3Fiori, perché dopo il 2Quadri di Ovest era anche possibile che EO raggiungessero 3NT, praticamente impossibili da battere.

Di là Sementa ha detto passo su 1NT, e van Prooijen si è rifiutato di competere persino a livello di due. L’avesse fatto, la licita sarebbe probabilmente proseguita con 2Fiori, Passo, Passo, contro, tutti passano, e con Nord dichiarante sarebbero stato facile per la difesa ottenere il massimo, così pareggiando la mano. Totale netto: 8 IMP a ZWEDERLANDS.

Un passettino, e LAVAZZA ha segnato per la prima volta nel match.

1Fiori = 17+
1Quadri = 0-7
2Cuori = picche

Attacco: Cuori7
un down, N/S = +100

2Cuori = picche

Attacco: Cuori6
+1, N/S = -140

Per Nystrom i 17 del compagno erano il minimo possibile (gli svedesi aprono di 1NT con 14-16), mentre per Sementa rappresentavano il massimo che Bocchi potesse mai avere. Anche così ci si potrebbe accontentare di 2NT al secondo giro, ma non è questo lo stile dei nordici, i quali tirano in porta anche da lontano. Con le cuori 4-4 il contratto necessitava del solo PiccheA ben piazzato, ma così non era. 6 IMP per LAVAZZA.
SWEDERLANDS ha subito replicato con 2 IMP, in maniera bizzarra: dove Nystrom è caduto di una presa in 5Fiori, Sementa è andato sotto di due in 4Fiori!

Attacco = Quadri8
un down, N/S = +50

Attacco: QuadriK
due down, N/S = +100

Purtroppo – la qualità degli operatori BBO era evidentemente pessima – anche in questo caso la registrazione del gioco è molto frammentaria, ed in entrambe le sale. Tuttavia, sono in grado di dirvi che dopo l’identico attacco a quadri l’italiano ha incassato l’FioriA, mentre lo svedese ha mosso piccola fiori per la Dama. Anche senza conoscere gli sviluppi, è chiaro che questa mossa ha lasciato Nystrom ben più in controllo del suo avversario.

E’ seguito un semplice 1NT per tutte e due le squadre nel board 6:

Attacco: Picche5
N/S = +90

Attacco: Fiori10
N/S = +90

Poi SWEDERLANDS ha segnato una presa in più nello stesso contratto di 1NT nella mano 7 – come si può vedere, si volava molto bassi – senza, ancora una volta, che io sappia dirvi con precisione come (in sala aperta manca persino la licita!), anche se qualche sospetto ce l’ho. 

N/S = -90

Dove manovrava Bocchi, Verhees ha attaccato a picche, e la difesa ha giocato due giri. Il dichiarante ha preso di Re ed ha a sua volta rigiocato nel colore. Quando Sud ha preso è tornato a Fiori, e questo ha probabilmente convinto Est che gli onori fossero mal piazzati, così che, rimasto in presa col Re del morto, sul successivo PiccheJ Bocchi ha scartato la sua terza fiori. Probabilmente un diverso sviluppo nell’altra sala ha fatto sì che il dichiarante incassasse alla fine due fiori al posto di una.
Nella smazzata seguente LAVAZZA ha pareggiato il conto a quota 12 IMP.

1Quadri = Precision
Contro = picche

Attacco: Quadri4
N/S = +110

Il surcontro di Bilde ha permesso a Duboin una competizione non trovata nell’altra sala, e con quella 6 IMP dato che entrambi i parziali erano blindati.

N/S = -110

Entrambe le squadre hanno mancato la chance di segnare 1 IMP nel board successivo – poco, direte voi, ma questo era quello che offriva il convento – ma mentre era impossibile farlo per Upmark, Bocchi una qualche ragione per trovare l’attacco giusto ce l’aveva.

3Fiori = 6/7 Cuori, invitante

Attacco: Quadri9
+2, N/S = +480

1Fiori = 17+
1Picche = cuori, 8+
2Picche = monocolore
2SA = relay
3Fiori = minimo con interesse a slam

Attacco: Cuori4
+2, N/S = +480

Se ho capito bene la sequenza olandese, Nord aveva negato il controllo a fiori, dunque l’attacco si poteva trovare.
Nel board dopo sono stati gli svedesi a competere con maggiore efficacia.

Attacco: PiccheQ
+1, N/S = -130

Attacco: Cuori4
N/S = +140

Un ruolo fondamentale l’ha avuto il livello di apertura, il quale ha lasciato spazio a Verhees per manifestarsi in qualche modo, mentre Duboin, un gradino più su e con il QuadriK che sembrava mal piazzato, aveva maggiore difficoltà a licitare. Per il resto, è sempre molto difficile competere a livello di quattro in un minore, anche se Sementa, possedendo PiccheAK, poteva forse avere un qualche sospetto che le carte si sposassero. Certo che il fit era perfetto, e le atout avversarie messe in maniera amichevole. 7 IMP per SWEDERLANDS.
La mano 11 ha portato 2 IMP nelle casse di LAVAZZA, grazie ad una migliore interpretazione difensiva di Giorgio Duboin, accurato nell’evitare di regalare inutili prese in più.

Attacco: QuadriA
N/S = -400

Attacco: QuadriQ
+2, N/S = -460

Tutti e due i Sud hanno attaccato a quadri – Duboin con l’Asso e Vehrees con la Dama – e tutti e due i dichiaranti hanno prima o poi vinto col QuadriK per tirarsi le fiori. L’olandese ha buttato due picche, poi una quadri, ma alla fine si è scomposto e ha scartato il Cuori3, così che Bocchi ha impacchettato undici prese. Duboin ha invece gettato un’altra quadri, e dato che era rimasto a cinque carte con PiccheA CuoriQ103 QuadriQ Upmark avrebbe potuto giocare picche mettendo Sud in presa e realizzando poi tre cuori nel finale per un totale di dieci levee, ma ha invece ragionevolmente giocato CuoriAK ed ha concluso con nove.
Subito dopo LAVAZZA ha scritto 1 IMP, l’ultimo del tempo in assoluto.

Attacco: Cuori2
N/S = -110

Attacco: Cuori2
+1, N/S = -140

Tutto in una carta: Upmark ha preso l’attacco a cuori al morto e ha giocato picche per il Fante, mentre Bocchi ha preso in mano e mosso picche verso la Dama.
Le ultime due mani non hanno spostato niente, né potevano, e così ZWEDERLANDS ha concluso a +4, sul 19-14.

Attacco: Quadri4
N/S = -140

Attacco: CuoriK
N/S = -140

Attacco: Cuori3
N/S = -400

Attacco: Cuori10
N/S = -400