Bridge, lo Sport della Mente

Yeh Bros Cup 2017 (1)

da | Lug 4, 2017 | 0 commenti

Argomenti:
Stampa

Fino al 7 Luglio, i veri appassionati di Bridge dormono con un occhio aperto. Nell’impero del Sol Levante è infatti in corso la Yeh Bros Cup, evento che raccoglie alcuni fra i nomi più illustri del Bridge Mondiale e in cui i giocatori italiani sono fra i protagonisti.

Chen Yeh

La manifestazione attrae i Campioni specialmente per la generosissima offerta di premi, che si deve a Mister Chen Yeh, il facoltoso imprenditore di Taiwan da cui prende il nome l’evento.

Ai tavoli dell’Hotel Chinzanso di Tokyo sono scese 26 formazioni. Fra i presenti, gli italiani Lorenzo Lauria e Alfredo Versace, per i quali questo torneo rappresenta l’esordio nel team Monaco-Zimmermann, e gli Azzurri Massimiliano Di Franco e Andrea Manno (nella foto in basso), schierati nella rappresentativa israeliano-italo-polacca IsPoIta.

La squadra Monaco comprende numero 1 e 2 del mondo: Geir Helgemo e Tor Helness. I Campioni d’Europa in carica Thomas Bessis e Frederick Volcker hanno creato un asse franco-svedese con i gemelli Rimstedt. La penisola scandinava conta anche altri esponenti: Frederic Wrang, Fredrik Nystrom, Johan Upmark e Johan Sylvan, argento agli ultimi mondiali così come ai più recenti Europei per nazioni. Fra i Campioni spicca la presenza dei detentori del titolo mondiale: i polacchi Piotr Gawrys, Michal Klukowski, Krzysztof Jassem, Marcin Mazurkiewicz, Jacek Kalita e Michal Nowosadzki, ma divisi in due distinte formazioni. L’uomo dei record è però Eric Kokish: il coach che più ha vinto nella storia del Bridge, schierato con il padre di Bridge Base Online Fred Gitelman, Curtis Cheek e Huub Bertens. Gli Stati Uniti sono ulteriormente rappresentati dai nazionali John Kranyak, Vincent Demuy, John Hurd e Joel Wooldridge, medaglia di bronzo agli ultimi mondiali.

Oltre al principale torneo a squadre, la manifestazione comprende anche una gara a coppie.

Gli incontri vengono trasmessi su internet attraverso la piattaforma BBO.

Andrea Manno e Massimiliano Di Franco