Bridge, lo Sport della Mente

Verso i Mondiali: selezioni nel mondo (1)

da | Mag 4, 2017 | 0 commenti

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

In giro per il mondo, questa settimana è tempo di qualificazioni per i campionati del mondo di Lione. Mentre, infatti, la EBL è “asincrona” rispetto al calendario WBF – i campionati validi per la qualificazione a Bermuda Bowl, Venice Cup e d’Orsi Senior Bowl si sono svolti l’anno scorso a Budapest – non è così per le altre zone.

In particolare, sono al momento in corso di svolgimento sia i campionati del Centro America e Caraibi (ad Antigua, Guatemala, da dove vi scrivo, essendone responsabile organizzativo e arbitro responsabile), sia i Trials americani.

I primi, mi dispiace dirlo per gli amici di qua, non sono destinati ad avere grande impatto sulla manifestazione francese, dato che la sola squadra che proverrà da questa competizione non ha nessuna realistica possibilità di ben figurare, in nessuna delle tre categorie. Guadalupe Open ha sporadicamente galleggiato nella parte superiore dell’ultimo quarto della classifica della fase eliminatoria, e niente più, spesso facendo di peggio, mentre donne e seniores – d’abitudine di nuovo rappresentanti di Guadalupe, la mattatrice della zona – hanno invariabilmente dovuto lottare per le ultime piazze.
Ben diverso è il caso degli USA: innanzitutto, si qualificano due squadre per categoria (anomalia che da tempo aspetta di essere rivista), ma, soprattutto, ciascuna delle sei ha immancabilmente aspirazioni legittime di vittoria.
Nel caso del CAC, la manifestazione è all’epilogo: le finali di categoria sono in corso. Nell’Open, Guadalupe conduce di una ventina di IMP sul Costa Rica, l’avversario più tenace degli ultimi anni. Cinquanta mani sono state giocate, ed altre settanta ne mancano per concludere, cosicché la lotta è ancora apertissima.
Tra le signore tutto sembra invece concluso, dato che Trinidad e Tobago, già vincitrice nel 2011, ha un vantaggio di quasi 100 IMP su Guadalupe, e di mani ne mancano 50 (le due squadre si sono accordate per accorciare la finale).
Nel Senior, infine, l’immancabile Guadalupe ha un buon vantaggio – qualcosa più di 40 IMP – su Barbados. Qui le mani da giocare sono stesse settanta dell’Open.
Negli USA al momento è in corso la sola selezione Open, approdata alle semifinali per quanto riguarda il tabellone principale – quello che qualifica USA 1 – e agli ottavi per quanto attinente al tabellone di recupero, quello che designerà USA2 (questa differenza era significativa, una volta, dato che USA1 riceveva un contributo spese rilevante, ma ora è non è più così).
Le due favorite, NICKELL e DIAMOND sono ancora in lizza per USA1, e la prima è attesa da un compito facile, sulla carta, contro HARRIS (non ho mai sentito nominare nessuno dei componenti). La seconda, invece, se la deve vedere contro i giovani leoni di Dwyer, e c’è da aspettarsi un gioco pieno di fuochi d’artificio, anche se, per i miei gusti, non di vero spettacolo si tratta. Infatti, due delle coppie in lizza – Bathurst-Lall da una parte e Dwyer-Lee dall’altra – privilegiano un gioco iper-aggressivo, che non di rado le vede subire severe penalità (ieri, nel match vinto di un soffio all’ultimo board, Dwyer, per esempio, si è esibito nell’intervento di 1 Cuori, in zona, con 10xxxx KQ10x x xxx (sono certo che il mio carissimo amico Pietro Forquet proporrebbe il ritiro della tessera per un giocatore del genere), pagando un meritatissimo 1400 contro la manche avversaria – e per peggiorare le cose i suoi compagni di squadra hanno chiamato quella sbagliata: costo totale 18 IMP in una mano banale), e anche le altre non si tirano certo indietro, sebbene senza raggiungere gli eccessi delle due già citate. Tuttavia, si tratta di coppie che si sanno destreggiare benissimo nella tempesta, e che, soprattutto, data l’abitudine a scrivere grosse quanto assurde cifre nella colonna avversaria, non si scompongono di certo di fronte ai rovesci.
Fluida è invece la situazione del tabellone di recupero, dove tutte le rimanenti sono formazioni di notevole caratura.

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]