Bridge, lo Sport della Mente

Mancato Alert

da | Mag 16, 2017 | 0 commenti

Argomenti:
[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

Caro Maurizio,
rieccomi a te dopo un lungo periodo di silenzio.

Attacco PiccheQ, picche per l’Asso e picche per il re.
Il dichiarante gioca il Cuori10, che, lisciato da Nord, resta in presa.
Ora il contratto è mantenuto contro ogni difesa, con una picche, due cuori, tre quadri e una fiori.
Solo che, nel prosieguo del gioco, Sud scarta due volte quadri, ed il dichiarante invece del FioriK incassa la quarta quadri.
A questo punto Sud protesta, affermando di essere stato ingannato dalla licita, ed io, in Est, ammetto di essermi dimenticato di Alertare la risposta 1SA (giochiamo 1Quadri gradino negativo).
L’Arbitro, chiamato in causa, verifica l’assenza di danneggiamento ma assegna un punteggio arbitrale (60/40) al posto di quello ottenuto al tavolo (sarebbe stato più o meno 20/80 su scala nazionale) a fronte della mia irregolarità.
Il tutto assolutamente ininfluente ai fini della classifica (entrambi abbiamo chiuso sotto media), ma la decisione non mi convince affatto.
Affrontando il caso nell’ottica del ristabilimento dell’equità il risultato, a mio avviso, avrebbe dovuto essere confermato, in quanto il brutto risultato di N/S è stato dovuto esclusivamente dall’errore di Nord che non ha coperto il Cuori10.
Dopo di che se può avere una logica un punteggio arbitrale per sanzionare la mia irregolarità non vedo che senso possa avere il fatto che N/S, a fronte della mia irregolarità che non li ha in alcun modo danneggiati, possano passare dal 20% ottenuto al tavolo al 60% del punteggio arbitrale, a danno degli altri N/S.
Mi sembrerebbe logico che, anche ammesso che il 40% alla mia linea sia giustificato, N/S avrebbero dovuto mantenere il risultato ottenuto al tavolo.
Ciao, e grazie fin d’ora per l’attenzione,
Paolo Orsi


Ciao Paolo,
atteso che i fatti non vengano contestati – una formalità: lascio sempre spazio ai terzi interessati per commenti e/o precisazioni – la decisione arbitrale avrebbe bisogno, al minimo, di essere chiarita in quelle che sono state le sue motivazioni.
Se, infatti, il contratto si è concluso con sette prese, siamo di fronte a quello che sarebbe probabilmente accaduto comunque. Tuttavia, io posso immaginare che l’Arbitro abbia giocato, nel modificare il risultato, su quel “probabilmente” che ho scritto, ovvero abbia ritenuto che senza lo scarto delle due quadri lo sviluppo del gioco non avrebbe necessariamente portato a sette prese.
Anche senza analizzare la mano in profondità, mi sembra, a dire il vero, molto improbabile, ma cerco solo di esplicitare quello che deve essere stato il ragionamento del direttore di gara, ovvero quella che è la sola motivazione possibile per modificare il risultato. Oltre, poi, all’improbabilità di raggiungere 1SA-1 allo stato dell’arte, bisogna aggiungere che Sud non aveva il diritto di sapere che Ovest aveva le quadri, ma solo che questo era possibile. Insomma, lo scenario “1SA-1” era ancora meno probabile.
Ciò premesso, devo però anche aggiungere che i risultati possibili erano comunque solo due: 1SA fatto o 1SA-1, e che quindi, anche se una modifica ci doveva essere, sarebbe stato un ponderato il punteggio arbitrale corretto.
Cari Saluti,
Maurizio Di Sacco

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]