Bridge, lo Sport della Mente

Confusi dall’errore avversario

da | Mag 23, 2017 | 0 commenti

Argomenti:
[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

Ciao Maurizio,
mentre arbitravo il nostro torneo settimanale, mi è successo quanto segue:
Le carte di Nord : Picche Q x x Cuori Q x x Quadri A x Fiori A J 10 x x
Sud apre di 1Fiori (naturale!) e dopo il passo di Ovest Nord licita 2Quadri… Conclusione a 3SA da Sud, attacco a picche da Ovest e 3SA+3=690.
1) Nord è un principiante assoluto ed è stato inutile chiedergli perché abbia licitato 2Quadri
2) L’attacco a quadri batte abbondantemente il contratto, ma Ovest con QuadriKJ10xx ha optato per un attacco da quattro cartine
di picche
3) Questo 2Quadri, visto il livello tecnico di Nord, non l’ho giudicato come una psichica ed ho confermato il risultato, pur
facendo presente a Nord la necessità di chiarirsi le idee.
Est-Ovest hanno capito la situazione ed hanno serenamente accettato la mia decisione, ma io vorrei da te sapere se ho agito al meglio o se avrei dovuto risarcire in qualche modo la coppia innocente.
Grazie per un tuo parere
Mario Zanetti


Ciao Mario,
hai agito benissimo, e per le giuste motivazioni.
Data la caratura di Nord, infatti, è escluso che abbia agito con la deliberata intenzione di ingannare gli avversari.
Cordiali Saluti,
Maurizio Di Sacco

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]