Bridge, lo Sport della Mente

Campionati italiani under 26 e Master under 36 2017

Campionati Italiani Under 26 e Master Under 36 (1)

da | Apr 12, 2017 | 0 commenti

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

Come non invidiare i ragazzi? Da domani la porta del Palazzo dei Congressi di Salsomaggiore Terme si aprirà (o, più precisamente, girerà) per loro.

Due le manifestazioni in programma: i Campionati italiani under 26 e il Master Under 36.

L’ora dei giovani scoccherà, non a caso, nel “Gründonnerstag” (il giovedì Santo; in tedesco, letteralmente, “giovedì verde”).

Campionati italiani under 26

I primi a scendere ai tavoli saranno i Bridgisti under 26. All’interno di tale categoria, ufficialmente riconosciuta dalla World Bridge Federation e dalla European Bridge League, in Italia si individuano due fasce: Esordienti ed Esperti. Questa suddivisione è basata sull’effettivo livello di gioco ed è stata introdotta dalla FIGB per permettere ai ragazzi di misurarsi con avversari di pari esperienza.

Competono nella serie Esordienti i giovani di rango federale fino alla quarta picche e che non hanno mai conquistato un podio in questi Campionati. Gli altri, dalla categoria terza fiori in su o già medagliati, sono automaticamente iscritti nella serie Esperti.

In entrambe le sezioni si disputeranno Campionati a coppie e a squadre; ciascuna gara comprenderà tre sessioni. Giovedì pomeriggio, giovedì sera e venerdì mattina si disputeranno le competizioni a coppie, mentre venerdì pomeriggio, venerdì sera e sabato mattina quelle a squadre.

Anche quest’anno la Federazione viene incontro ai giovani appassionati, provvedendo all’ospitalità nei giorni dei Campionati.

Molto positivo il riscontro di partecipazione: si registra un incremento del numero degli iscritti sia nella categoria Esperti che, soprattutto, nella categoria Esordienti. Per questo dato, così significativo per il futuro del nostro sport, bisogna ringraziare in primis l’entusiasmo e l’impegno degli insegnanti del Bridge a Scuola. Nei prossimi giorni entreremo nel dettaglio dei loro progetti e dei loro gruppi.

I Campionati under 26 non rappresentano solamente un’occasione di competere per il titolo italiano, ma anche un’opportunità cruciale. Le gare si disputano infatti sotto l’occhio vigile dei talent scout federali, in primis Dario Attanasio, Commissario Tecnico e coach del Settore Giovanile, Valerio Giubilo, suo coadiutore, e Patrizia Azzoni, Consigliere Tecnico responsabile del Settore Insegnamento.

Le ragazze sono avvisate: verranno osservate con particolare attenzione! La Federazione punta infatti a ricreare un vivaio per la Nazionale italiana Girls (femminile under 26).

A proposito di Azzurri. E’ attraverso i Campionati italiani giovanili che in passato si sono scovati talenti del calibro di Giovanni Donati e del sestetto che ad Agosto ha portato l’Italia intera sul tetto del mondo vincendo l’oro nella categoria under 21 (World Youth Teams Championships). Tutti i protagonisti di quel trionfo saranno presenti: Francesco Chiarandini, Alvaro Gaiotti, Gianmarco Giubilo, Andrea Manganella, Federico Porta e Sebastiano Scatà.

Sabato, al termine della cerimonia di premiazione, alcuni giovanissimi rimarranno a Salsomaggiore. E’ infatti il momento di selezionare i giocatori under 16 (Kids, secondo la nomenclatura internazionale) che ci rappresenteranno nei prossimi appuntamenti europei e mondiali. I candidati sono stati convocati per uno stage tecnico-didattico che si svolgerà da sabato sera a lunedì mattina. Trascorreranno quindi la Pasqua a Salsomaggiore… sperando di trovare la sorpresa della maglia Azzurra!

Master under 36

Quale bridgista, terminati gli anni junior, non ha desiderato di poter partecipare ancora a questi Campionati? Una lettera strappalacrime inviata nel 2006 da un gruppo di 26enni è rimasta negli annali: imploravano l’allora Presidente FIGB di concedere una piccola deroga e lasciarli partecipare al Campionato per un altro anno ancora. La risposta è stata tristemente ma giustamente negativa, in linea con i regolamenti sportivi.

Come dice un proverbio americano, però: “i giovani sognano l’impossibile e, generazione dopo generazione, lo ottengono”. Ecco così che l’anno scorso il sogno è diventato realtà: la Federazione ha introdotto il Master under 36, riservato ai giocatori fino ai 35 anni. Il destino, però, è beffardo. Proprio i ragazzi che nel 2006 implorarono strenuamente la Federazione si sono trovati esclusi per un soffio dal revival: nel 2016 erano infatti nel loro 36esimo anno d’età! I bridgisti “esodati” lanciano un nuovo appello alla Federazione affinché alzi ancora un pochino i limiti di età…

In considerazione del fatto che i giovani adulti hanno, il giovedì, più impegni lavorativi e, la domenica, meno uova da scartare, il Master under 36 inizierà di venerdì. Si comincerà con la gara a squadre (anche in questo caso articolata su tre sessioni, che si disputeranno venerdì pomeriggio, venerdì sera e sabato mattina) e si proseguirà con quella a coppie (sabato pomeriggio, sabato sera e domenica mattina). La struttura del calendario permette quindi ai ragazzi che hanno concluso il Campionato under 26 di unirsi eventualmente al Master.

Anche in questa competizione non mancano i nomi illustri, come quello di Irene Baroni, principessa del Bridge italiano, campionessa in carica della Coppa Italia Women, solo per citare il più recente dei suoi 17 ori nazionali.

Purtroppo, alla sua seconda edizione, il Master under 36 registra un calo di partecipazione (ecco un’argomentazione a favore di chi spera in un “under –anta”), complice forse la Pasqua alta e la conseguente vicinanza con i Campionati di Primavera.

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]