Bridge, lo Sport della Mente

Seconda licita dell’apertore

da | Mar 31, 2017 | 0 commenti

Argomenti:
[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

Buongiorno.
Mi chiamo Imperiale Mauro di Genova.
Gradirei che mi chiarisse in maniera definitiva un argomento che spesso è oggetto di discussione con i miei amici bridgisti.
Quanto si ha un’apertura debole, la ripetizione del palo minore dev’essere sempre almeno sesta? Secondo me sì, su una risposta del compagno a livello uno.
Oppure qualche sistema prevede il contrario?
Grazie.
Mauro


Caro Mauro,
in generale, la risposta è negativa, dato che non bisogna dimenticare che l’apertore, con mano di diritto, non può dichiarare il suo secondo colore, se ne ha uno (ad esempio, non può dire 2Quadri, dopo 1Fiori e risposta 1Cuori, perché mostrerebbe almeno 16 punti).
Quindi, la ripetizione del colore di apertura può essere ambigua, ovvero mostrare sia una monocolore, che una bicolore c.d. “indichiarabile” per difetto di forza.
Si ha invece la certezza del possesso di sei carte quando una bicolore indichiarabile è impossibile, come, ad esempio, dopo l’apertura di 1Quadri e la risposta 1Cuori: infatti, l’apertore potrebbe ora dichiarare il suo secondo colore senza fare un rovescio (1Picche è a livello di uno, 2Fiori è discendente e 2Cuori è appoggio).
Cordiali Saluti,
Maurizio Di Sacco

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]