Bridge, lo Sport della Mente

Licita errata: un caso paradigma

da | Mar 9, 2017 | 0 commenti

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

Ciao Maurizio,
sono a porti un quesito per poter utilizzare la tua risposta per evitare in futuro situazioni sgradevoli nel nostro circolo. Sono cose che capitano spesso e molti giocatori non hanno conoscenza del regolamento arrivando a discussioni inutili; ho bisogno di un parere autorevole per convincere tutti su determinate situazioni.

Le carte e la licita:

2Picche = Alertato da Ovest come bicolore cuori/fiori

Prima dell’attacco di Nord, Est avvisa gli avversari di avere sbagliato licita e che la sua bicolore è cuori/quadri. Sud insorge dicendo che è stata danneggiata perché avrebbe licitato le fiori se lo avesse saputo. Ovest dice che Est non sarebbe stata neppure tenuta a segnalare l’errore perché la spiegazione è stata esatta rispetto al sistema e questa cosa ha fatto ulteriormente arrabbiare Nord/Sud che si sentivano danneggiati. L’attacco di Nord è stato a picche ed Est/Ovest hanno fatto 4Cuori+3.

A fine mano l’Arbitro ha preteso di vedere il sistema di Est/Ovest che era memorizzato sul telefonino e, dato che giocavano bicolori Ghestem, ha verificato che la spiegazione era corretta e ha confermato il risultato al tavolo.

Ci puoi fare conoscere le tue considerazioni in merito a:
1) La decisione presa dall’Arbitro è corretta?
2) La giocatrice in Est era obbligata a comunicare il suo errore?
3) A seguito dell'”outing” di Est e della lamentela di Sud che dichiarava che avrebbe licitato le fiori, cosa avrebbe dovuto fare l’arbitro se Nord avesse attaccato a fiori facendo una presa in più?

Ti ringrazio e ti saluto cordialmente.

Arcangelo De Leo


Ciao Arcangelo,
la situazione descritta è quanto mai classica.
1) Completamente corretta, ed in particolare in aderenza all’Articolo 75 del Codice di Gara, paragrafo C. Complimenti anche per l’indagine svolta.
2) No. Ovest ha spiegato perché (per approfondire, si possono leggere l’Articolo 40 del Codice di Gara, l’Articolo 20 del Codice di Gara e l’Articolo 21 del Codice di Gara).
3) La lamentela di Sud era fuori luogo, in quel momento, tanto da costituire un’INA. La procedura corretta, in casi del genere, è quella di continuare a giocare, riservandosi un intervento arbitrale al termine. Il ritardo non è di nessun nocumento per il partito innocente, ed anzi può salvaguardarlo dal trasmettere INA.
Cari Saluti a te ed agli amici del tuo circolo,
Maurizio Di Sacco

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]