Bridge, lo Sport della Mente

NATIONAL AMERICANO A ORLANDO (6)

da | Dic 1, 2016 | 0 commenti

Argomenti:
[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

Whitehead Women Pairs

womenwhitehead

Nancy Passell e Shawn Quinn

Il torneo a coppie femminili Whitehead è stato vinto da Nancy Passell e Shawn Quinn. Le giocatrici texane hanno iniziato a fare coppia insieme proprio in occasione di questo National. Secondo posto per il duo madre-figlia composto da Gen Geiger e Gigi Simpson, che onora i colori della Florida. Terzo posto per un’altra coppia locale: Janet Becker e Susan Miller.
Fra le giocatrici italiane che hanno avuto accesso alla finale, il miglior risultato è quello di Gabriella Olivieri, che ha concluso la gara al tredicesimo posto (in coppia con l’austriaca Jovanka Smederevac).

Qualificati per la Finale del Blue Ribbon Pairs

Maurizio Di Sacco in coppia con l’americano Larry Robbins e Massimiliano Di Franco con Andrea Manno continuano la corsa al titolo del prestigioso Blue Ribbon Pairs. Il torneo si concluderà oggi.

Verso il titolo di “giocatore dell’anno”

Il tesserato alla Federazione Americana (ACBL) che dall’inizio del 2016 ha allineato più “Platinum Points” vince il titolo di “giocatore dell’anno”.

Il principale candidato al riconoscimento è Jeff Meckstroth, il pluricampione mondiale che con la sua performance ai National d’Estate e di Primavera e vincendo anche il torneo a squadre Senior Baze due giorni fa ha un margine di sicurezza importante sugli inseguitori, il più stretto dei quali è Eric Rodwell, il suo compagno abituale. Ma non è Rodwell a insediare Meckstroth, dal momento che molte delle prossime gare saranno giocate dai due in coppia insieme, e dunque i punti conquistati dall’uno corrisponderebbero a quelli guadagnati dall’altro, lasciando intatta la distanza relativa. Eric Greco, Zia Mahmood o Geoff Hampson, pur essendo indietro nella corsa, sono più pericolosi: come prudentemente precisa Meckstroth, mancano da assegnare ancora due trofei, ovvero quello del Blue Ribbon Pairs e quello della Reisinger, gare che potrebbero fare la differenza se a vincerle fosse qualcuno di questi tre giocatori.

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]