Bridge, lo Sport della Mente

Sequenza ambigua

da | Nov 25, 2016 | 0 commenti

Argomenti:
[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

Caro Maurizio,
abuso ancora una volta della tua cortesia per esporti l’ultimo caso capitatomi.

N/S in zona. Dichiarante Ovest, che ho queste carte:
Picche A 10 7 6 2   Cuori A Q 7 5 3   Quadri –   Fiori K 8 5
E/O giocano V Nobile, fiori 2+ e quadri quarte.
La dichiarazione, senza interferenze va così:

esperto2016_11_b1 E/O giocano la (RKCB) Blackwood, 3-0, 4-1 su cinque assi
5Picche= Alertato da Est, che a richiesta spiega: due Assi di cinque e dama di atout
Ovest non sa ancora quale slam voglia giocare il compagno, supponendo che Est, avendo una mano tipo 2-3-5-3 oppure 1-3-5-4 o simili, una volta a conoscenza della 5/5 Nobile dell’apertore abbia deciso per lo slam a cuori dà una risposta conseguente.

Dopo l’attacco di FioriA, l’Avversario in Nord, alla vista del morto che mostra
Picche K Q J 4 3 Cuori 9 Quadri A K J 8 6 Fiori J 2
esclama “ma come? Lui risponde due assi e la dama di atout e invece la PiccheQ ce l’ hai tu!” e contesta il fatto che come avversari avrebbero dovuto essere informati (mediante Alert) del fatto che la risposta a 4SA si riferisse ad atout cuori e non picche. Le questioni che ti sottopongo sono due:
1. Est avrebbe dovuto Alertare la risposta agli Assi specificando eventualmente “guardate che il mio compagno rispondendo 5Picche mi dice di avere la CuoriQ perché pensa che lo slam che io ho deciso di giocare é con atout cuori e non picche, infatti lui non sa che io ho questo ben di Dio di fit a picche!” o Est avrebbe potuto fare a meno della precisazione, limitandosi alla spiegazione della risposta a 4SA (corretta per atout cuori) in quanto l’ultimo colore dichiarato da Ovest era cuori e pertanto la risposta agli Assi andava riferita a questo tipo di atout?
2. Il fatto che la RKCB Blackwood sia una richiesta d’Assi molto usata e conosciuta, può esimere dal dover precisare quale sia l’atout che si intende utilizzare per il contratto di slam se esso é facilmente desumibile dallo sviluppo della dichiarazione, secondo quanto si legge ne “Enciclopedia delle Convenzioni e dei Treatments” di N. Ghelli e M. Giordano, Ed. Mursia 1994, pag. 491: “Ai fini della determinazione del colore d’atout, la convenzione presume come tale l’ultimo colore dichiarato prima della dichiarazione di 4SA, se quest’ultima è formulata a salto e nessun altro colore é stato esplicitamente concordato come atout”?
Nella speranza di essere stato sufficientemente chiaro, ti chiedo scusa se sono stato prolisso, ti ringrazio anticipatamente per il tuo gradito ed illuminante parere e ti saluto cordialmente.
Claudio Benevento

Ciao Claudio,
1. No. Non si è tenuti a fornire spiegazioni che si basano sulla visione (conoscenza) delle proprie carte, ma solo quelle derivanti da specifici accordi di coppia.
2. L’accordo di coppia, qui, non può che essere quello desunto da Ovest: Est, infatti, poteva fissare l’atout picche senza problemi, dichiarando 3Picche su 3Cuori, per poi chiedere gli assi. Non poteva, invece, fissare l’atout Cuori sotto il livello di manche.
Cordiali Saluti,
Maurizio Di Sacco

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]