Bridge, lo Sport della Mente

NATIONAL AMERICANO A ORLANDO (4)

da | Nov 29, 2016 | 0 commenti

Argomenti:
[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

Mitchell Open BAM

bam

Davanti: Alon Birman, Jacek Kalita e Michal Nowosadzki Dietro: Dror Padon, Stan Tulin, Kevin Dwyer

Il Mitchell Open Bam si è concluso nel più rocambolesco dei modi. La prima classifica stampata riportava la vittoria della squadra di Richard Schwartz. Il controllo degli score ha però permesso alla formazione Tulin, apparentemente terza classificata, di scovare un errore nella registrazione dei punteggi. La correzione ha catapultato Stan Tulin, Kewin Dwyer, Alon Birman, Dror Padon, Michal Nowosadzki e Jacek Kalita al primo posto, facendo scendere contemporaneamente di una posizione Richard Schwartz, David Bakhshi, Daniel Korbel, Boye Brogeland, Espen Lindqvist e David Gold.

Una correzione di risultati determina quindi un’inversione sul podio. L’errore è umano: ad un tavolo, gli avversari della squadra Schwartz hanno giocato 4CuoriX-3 sulla linea Nord/Sud, ma inserendo il risultato nella bridgemate il contratto è stato attribuito alla linea Est/Ovest.
La squadra Diamond (John Diamond, Brian Platnick, Geoff Hampson, Eric Greco, Justin Lall, Kevin Bathurst) si è classificata al terzo posto.
I vincitori provengono da Stati Uniti (Tulin e Dwyer), Israele (Padon e Birman) e Polonia (Kalita e Nowosadzki, campioni del mondo in carica).

Per gli amanti dei retroscena: ai Campionati del mondo a squadre del 2015 Kalita-Nowosadzki giocavano nella Nazionale della Polonia, mentre Gold-Bakhshi rappresentavano l’Inghilterra. Le due squadre si incontrarono in semifinale e la Polonia prevalse di pochissimo. Dopo il match, a tarda sera, gli inglesi richiesero la revisione di una decisione arbitrale che, se accolta, avrebbe ribaltato l’esito dell’incontro. Il clima era reso ancora più teso dal fatto che la presenza della Polonia nel Campionato (la squadra si era qualificata schierando due giocatori a cui era successivamente stato ritirato l’invito per presunte violazioni del codice disciplinare) fosse stata osteggiata da diverse altre Nazionali partecipanti, con quella inglese in prima linea nella protesta. Quando la decisione arbitrale venne confermata, le speranze di Bakhshi-Gold di accedere alla finale andarono definitivamente in frantumi e la Polonia vinse infine il mondiale. Anche a Orlando gli inglesi ricevono un’amara delusione sportiva per mano dei polacchi.

Per quanto riguarda le squadre tricolore, il miglior risultato è stato quello di Lavazza (Duboin, Bianchedi, Madala, Brenner, Bocchi, Bilde), al sesto posto.

Torneo femminile a squadre BAM

womebam

Jim Sternberg insieme alle vincitrici del Marsha May Sternberg Women’s BAM Teams: Sylvia Shi, Li Yiting, captain Dori Byrnes, Beth Palmer e Lynn Deas

Il Torneo femminile a squadre BAM si è concluso con la vittoria della formazione Byrnes, con Sylvia Shi, Li Yiting, captain Dori Byrnes, Beth Palmer e Lynn Deas. Secondo posto per la squadra di Barbara Ferm, Migry Zur Campanile, Judi Radin, Jill Levin, Jill Meyers e terzo per Cheri Bjerkan, Liudmila Kamenova, Rozanne Pollack, Pam Wittes.

Super Senior Pairs

senior

Ed Schulte e Tom Kniest, vincitori del Super Senior Pairs

Il primo importante torneo dedicato ai Senior si è concluso con la vittoria di Ed Schulte e Tom Kniest, seguiti in classifica da Richard DeMartino e Pat McDevitt e Bert Newman e Dennis Kasle. Interamente “made in USA” il podio di questa competizione

Partecipazione

Il National Americano d’Autunno ha già registrato una partecipazione di 3908 tavoli in quattro giorni (dal 24 al 29 novembre).

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]