Bridge, lo Sport della Mente

National Americano a Orlando (1)

da | Nov 24, 2016 | 0 commenti

Argomenti:
[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

L’ultimo grande appuntamento internazionale dell’anno è il National Americano d’Autunno.
L’evento, noto oltreoceano come Fall National, rappresenta un’occasione di ritrovo e full immersion per gli appassionati di Bridge degli Stati Uniti di ogni livello, nonché un impegno cruciale per il circuito agonistico mondiale. Vi prenderanno parte migliaia di giocatori, fra cui centinaia di professionisti. Tutto questo nonostante la manifestazione inizi proprio durante una delle festività più care agli americani: il Giorno del Ringraziamento, che quest’anno cade appunto il 24 Novembre.
Il National si concluderà lunedì 5 Dicembre.
L’evento comprende svariate tipologie di torneo, che iniziano a ogni ora del giorno e della sera: dalle gare a coppie e a squadre aperte a tutti, alle competizioni specifiche per livello, ai seminari di approfondimento tecnico, alle lezioni di avvicinamento al gioco per accompagnatori e familiari.

Una specie di parco giochi del Bridge? Sì, ma in questo caso non solo: sede della manifestazione (itinerante come tutti i Campionati americani) è infatti “la città del divertimento”, ovvero Orlando, in Florida. Si giocherà proprio presso una delle tante strutture a tema, ovvero il Walt Disney World Swan and Dolphin Resort (parco mondiale dei cigni e dei delfini).

Fra le tante competizioni del National, quella di maggior prestigio è la Reisinger Board-A-Match Teams. A questo trofeo puntano in special modo i tanti campioni che da ogni parte del mondo stanno raggiungendo la Florida. Detiene il titolo proprio una rappresentativa extra americana: la squadra Vainikonis, formata da Vytautas Vainikonis, Boguslaw Gierulski, Woitek Olanski, Ron Pachman, Jerzy Skrzypczak e Piotr Zatorski. La rappresentativa lituana-polacca-israeliana vinse per soli 0,39 punti una finale da brivido, caratterizzata da un vero e proprio testa a testa fra i visitatori e la famosa squadra a stelle e strisce Gordon (che aveva iniziato l’ultimo step con un vantaggio, seppure esiguo). Anche Lorenzo Lauria-Alfredo Versace (squadra Cayne) e Antonio Sementa (squadra Zimmermann) erano approdati alla finale.

Anche il Mitchell Open Board-A-Match Teams (gara che prende il nome da Victor Mitchell, che fu partner di Samuel Stayman in alcuni degli incontri con il Blue Team – niente a che vedere con il movimento Mitchell) è una delle gare di punta del National. Fra gli eventi a coppie, spiccano il Kaplan Blue Ribbon Pairs e il Nail Open Pairs. Il Kaplan Blue Ribbon Pairs è da considerarsi, nell’ambito dei tre National, la più prestigiosa fra le competizioni a coppie, in quanto per partecipare occorre aver guadagnato, nell’arco dei tre anni precedenti, un numero sufficiente di “inviting points” (o in alternativa ottenere una Wild Card).

Tornei di grande prestigio sono riservati al Bridge femminile: il Marsha May Sternberg Womens Board-a-Match Teams (che può essere considerato il corrispettivo rosa della Reisinger) e il Whitehead Womens Pairs.

Ai Senior è invece dedicato il Baze Knock Out Teams.

Numerosi saranno gli italiani in gara: dalla squadra Lavazza, agli Azzurri Lauria-Versace schierati con Cayne, ad Andrea Manno e Massimiliano di Franco, freschi dei loro successi portoghesi. Durante le nostre cronache sul National, ci concentreremo in particolare sui risultati dei nostri connazionali.

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]