Bridge, lo Sport della Mente

Lunga esitazione e poi… passo

da | Ott 29, 2016 | 0 commenti

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] Stampa

Caro Maurizio
ti sottopongo un quesito.

Mano dell’altra sera del simultaneo (board 5). E/O in prima, N/S in zona.


Nord apre di 1Picche primo di mano, Est interviene di 5Fiori mettendo regolarmente lo stop, Sud passa dopo esitazione (lunga), Ovest passa e Nord contra.
Facciamo riserva e alla fine della mano chiamiamo l’Arbitro il quale conferma il risultato (tre down e 24% per noi su scala nazionale).
Il suo ragionamento è stato il seguente: sia Nord che Sud sono principianti ed il loro livello di gioco esclude che se ne siano approfittati.
I fatti sono pacifici, è vero che sono principianti e probabilmente, a furia di prendere zeri sui barrage, scelgono di contrare sempre appena possono.
La mia domanda è: devo considerare corretta la decisione dell’Arbitro?
O meglio: quando c’è un’esitazione, spetta all’Arbitro valutare il comportamento dei giocatori ed il loro livello o è tenuto a fare valutazioni astratte?
Ti ringrazio se mi rispondi.
Claudio Brugnatelli

Ciao Claudio,
in astratto, l’Arbitro ha senza dubbio sbagliato: l’Articolo 16 del Codice di Gara, infatti, non fa alcun riferimento ai fattori da lui considerati.
Posso però capire – se non giustificare – che in un circolo si usi un approccio favorevole ai principianti.
Cari saluti (e, dato che ti ho risposto: prego),
Maurizio Di Sacco

[wpsr_facebook] [wpsr_retweet] [wpsr_plusone]