T33B9987
Conferenza Stampa – Michela Cavatorta (Salsomaggiore Convention Bureau), Giovanni Medugno (Presidente FIGB), Alessandra Bonati (Salsomaggiore Convention Burau), Filippo Fritelli (Sindaco di Salsomaggiore), Gianarrigo Rona (Presidente WBF),Daniela Isetti (Consigliere Comunale di Salsomaggiore), Sevinç Atay (WBF Executive council), Ata Aydin (Championship Committee Chairman)

Fra il dire e il fare c’è di mezzo un anno di preparativi. Durante la conferenza stampa che si è tenuta alle undici di ieri mattina nella Sala del Municipio, il sindaco Filippo Fritelli ha ricordato che, esattamente un anno fa, Federazione Italiana (FIGB), Mondiale (WBF) e Comune hanno stretto gli accordi che oggi hanno portato il Bridge mondiale a Salsomaggiore. “Le trattative sono state rapidissime. L’intesa e la fiducia verso il Presidente Rona e Medugno sono totali. Ci siamo messi subito al lavoro,” ha dichiarato il giovane sindaco. Il Presidente Rona ha ricordato il momento in cui il Bridge è entrato a Salso, nel 1978, quando era alla guida della Federazione Italiana. “Tu non c’eri” ha detto al sindaco ridendo; in quell’anno Fritelli non era primo cittadino ma non era neanche nato, particolare che dà il senso del profondo legame fra Salsomaggiore e il nostro sport.
Sono intervenuti anche Ata Aydin, responsabile del Comitato giovanile della WBF, e Daniela Isetti, componente del Consiglio Comunale.
Il Presidente Medugno ha ringraziato in particolare il Convention Bureau, gestito e rappresentato da Michela Cavatorta e Alessandra Bonati, per l’entusiasmo e l’instancabile impegno con cui stanno lavorando giorno e notte per assicurare ai partecipanti al Campionato la migliore esperienza a Salsomaggiore.
Una Salsomaggiore operosa, parzialmente ristrutturata (“ci avete aiutato a far ripartire la città” ha dichiarato Fritelli). I giovani sono già innamorati della “nostra” pittoresca cittadina e appena arrivati è cominciata la raffica di selfie con le colline, le piazze di Salso e gli affreschi del Palazzo come sfondo.

T33B0349

Alle sette di sera, le divise delle Nazionali di trentuno Stati hanno colorato la Sala Guido Ferraro. Con l’inno di Mameli, cantato a gran voce anche dai ragazzi stranieri, è iniziata la cerimonia di apertura del Campionato. Gli interventi istituzionali del sindaco Fritelli, del Presidente FIGB Medugno, del Presidente WBF Rona e del responsabile del Comitato Giovanile della WBF Ata Aydin sono stati inframmezzati da toccanti esibizioni di canto, musica e danza. Ogni rappresentativa è stata menzionata e invitata ad alzarsi e a raccogliere gli applausi degli altri partecipanti. Sulle note della Turandot (“Nessun dorma”, inno ufficiale della WBF), il Presidente Rona ha dichiarato ufficialmente aperta la sedicesima edizione dei World Youth Teams Championships. Ai ragazzi è stato poi servito nel Salone Moresco un rinfresco di benvenuto. Qui ci siamo subito giocati due “carte” chiave della cucina italiana: pizza e parmigiano.

Dalle dieci di questa mattina è iniziato il Bridge.
Oggi le nostre rappresentative affronteranno:
Juniors: Giappone, Egitto, Bangladesh, Australia
Girls: Cina, Polonia
Youngsters: Brasile, Olanda, Germania
Kids: Svezia, Cina1, Indonesia

Potremo seguire su BBO gli Azzurri alle 10:00 (Italia-Giappone Junior) e alle 15:50 (Italia-Polonia Girls).

T33B0112

La delegazione Azzurra