Peccato. E’ stato il venerdì nero delle Nazionali open e senior. “Delusione, sgomento, frustrazione, ecco quello che stiamo vivendo.” Ecco le parole Azzurre di Alfredo Versace che non manca il suo quotidiano appuntamento coi tifosi.

Nell’open siamo tredicesimi, a 17,27 vp dalla qualificazione per i mondiali. Ieri mattina eravamo sesti, in piena zona verde. Oggi, a tre turni dal traguardo di questa infinita maratona di bridge, l’arrivo potrebbe essere troppo vicino per darci modo di recuperare.

La Bielorussia, una delle ultime della classifica, contro di noi non ha praticamente sbagliato una carta, noi non abbiamo certamente giocato al meglio e il risultato è stata una dolorosissima sconfitta (solo 1,45 vp il nostro score). Pericolosa la Germania, contro cui abbiamo nuovamente perso (4,62 vp). Si conosceva il calibro degli avversari, che ieri lottavano ancora per il podio, ma il nostro incontro è stato oggettivamente sfortunatissimo. Anche la Grecia ha avuto la meglio su di noi (7,97 vp il nostro risultato). Paradossalmente, con la Francia, che marcia dal primo giorno a pieno ritmo verso l’oro, sarebbe potuta andare peggio: abbiamo contenuto la prevedibile sconfitta a 7,97 vp.

In queste ultime battute di Campionato l’esperienza è più importante della tecnica. Inutile anche prendersela con la fortuna: è innegabilmente e inevitabilmente uno dei fattori in campo, ma questo non vale solo per lo sport.

Quindi? “Solo un miracolo ci può salvare, ma comunque ci proveremo” dice Alfredo.

I nostri avversari di oggi sono Islanda, Inghilterra e Bulgaria. Molto delicati soprattutto secondo e terzo match perché dal nono e dal settimo posto le nostre avversarie lottano strenuamente per la qualificazione.

Potremo seguire Italia-Inghilterra alle 12.50 in diretta su Bridge Base Online.

Dopo 34 (di 37) incontri:

1 FRANCIA 448.81

2 SVEZIA 438.69

3 MONACO 438.24

Le notizie migliori provengono dalle ragazze Azzurre, chiamate ad affrontare tre prove durissime dando una meravigliosa dimostrazione di carattere e firmando le uniche due vittorie di ieri per i nostri colori. Israele: Nazionale con in campo le neocampionesse europee a coppie femminili (Asulin-Levi), al sesto posto prima di incontrarci. Vinciamo noi per 12.29 vp. Russia: quattro sesti della Nazionale medaglia d’argento ai World Bridge Games di Lille (nel 2012), quarta in classifica. Vinciamo noi 13.28. E infine la Polonia, prima in classifica. Ubi maior, purtroppo. Ma conteniamo egregiamente i loro colpi, segnando poco sotto media, 9,09 vp. Usciamo così guadagnando posizioni da una giornata che sarebbe potuta essere tragica: saliamo dal decimo all’ottavo posto, ovvero a un passo dalla qualificazione. Un passo lungo 1,68 vp.

Oggi ci attende una giornata altrettanto difficile: incontreremo Germania, Francia e Svezia.
Dopo 20 (di 23) incontri:

1 POLONIA 278.96

2 FRANCIA 268.57

3 INGHILTERRA 265.36

I Senior Azzurri, che giovedì sera avevano messo piede sul podio virtuale dell’Europeo, hanno avuto una giornata purtroppo pesantemente sotto media, soccombendo a Ungheria (3,42 vp), Irlanda (5,61 vp), Finlandia (6,72 vp). La qualificazione rimane pienamente alla nostra portata (con sei pass per Lione disponibili, siamo ottavi a 2,72 vp dai sesti), il podio è oggettivamente più lontano. Oggi incontreremo Austria, Norvegia e Finlandia.

Dopo 20 (di 23) incontri:

1 ISRAELE 264.60

2 SVEZIA 251.53

3 POLONIA 243.04

Proprio ora, i giornalisti di ogni Nazione sono contemporaneamente impegnati ad aggiornare i siti web delle loro Federazioni con le notizie del Campionato. “Cosa scrivi ai tifosi inglesi a tre turni dalla fine?” è la domanda per Mark Horton, di Bath, una delle più importanti penne al mondo di bridge. “Only three words: Wait and see.” E’ la sua risposta.
Aspettiamo e vediamo.
Questa sera, intorno alle 6, la Groupama Arena di Budapest fornirà il suo responso definitivo.