Dal 25 al 27 Marzo 2016, contemporaneamente ai Campionati Giovanili, si svolgerà a Salsomaggiore il Master under 36, manifestazione dedicata ai ragazzi fino ai 35 anni (nati dal 1981 in poi).
Il Master under 36 comprenderà due gare, a coppie e a squadre, e sarà articolato in due categorie.
Scopriamo i dettagli dell’iniziativa insieme a Federigo Ferrari Castellani, Vice Presidente FIGB e responsabile del Settore Insegnamento.

Come e quando è nata l’idea del Master under 36?
Abbiamo cominciato a pensare a questa iniziativa alcuni mesi fa. Da tempo la Federazione mondiale incoraggia le Federazioni nazionali a promuovere la categoria dei “giovani adulti”. Il bridge, in quanto sport della mente, ha una stagione agonistica molto lunga. Attualmente, oltre alla categoria giovanile e a quella Senior, non sono previste altre suddivisioni per fasce d’età. Questo è penalizzante per vari aspetti.
Innanzi tutto, consideriamo la squadra nazionale. Quando ci sono solo tre Nazionali (Under 26, Open e Senior) e campioni di livello assoluto ad occupare stabilmente i pochi posti disponibili nella squadra Open, i ragazzi oltre i 25 anni non hanno più la possibilità di vestire la maglia Azzurra, quindi di trovare la motivazione per crescere. Se vogliamo rimanere competitivi, dobbiamo dare ai giovani più promettenti la possibilità di fare esperienza internazionale… Ne abbiamo già persi troppi, è il momento di recuperarli.

Un altro aspetto riguarda i neofiti. Negli ultimi anni sono fioriti in varie regioni i corsi universitari, grazie ai quali molti ragazzi si sono avvicinati al bridge ad un’età prossima ai venticinque anni. Concluso il corso, vorrebbero continuare ad esplorare il nostro mondo e a fare esperienza, però senza perdere il fascino di un ambiente giovane e dinamico.

Quindi questo progetto ha a che fare sia con l’agonismo che con il marketing?
Possiamo dire così. Serve a mantenere i contatti sia con i migliori giovani agonisti che con i giovani allievi che comprensibilmente hanno voglia di continuare a imparare fra ragazzi della loro età… Fino a scoprire che il fascino del nostro sport è anche quello di abbattere le barriere generazionali.

Come sarà strutturato il Master under 36?
Si giocherà in un girone unico ma oltre a permettere ai nostri ex campioni juniores (ricordiamo che fra il 1998 e il 2003 i ragazzi oggi trentenni hanno vinto due titoli mondiali e due europei) di ben figurare sono istituiti premi speciali per le formazioni (sia coppie che squadre) formate da giocatori al massimo di 3^ categoria.

Recentemente è giunta comunicazione di uno spostamento di date…
Sì. Quando abbiamo organizzato il Master under 36, abbiamo pensato di renderlo parallelo al Campionato giovanile in corso da giovedì 24 a sabato 26 marzo. Molti aspiranti partecipanti al Master, però, ci hanno fatto notare che preferivano concludere la propria gara di domenica (seppure sia Pasqua) piuttosto che consumare un giorno di ferie (il giovedì). Abbiamo deciso di venire incontro alla loro richiesta. Affinché la gara a squadre si svolgesse in parallelo, il Master inizierà con la competizione a squadre, seguita da quella a coppie.

Chi vince che titolo acquisirà?
Il Master non è un Campionato italiano, anche se potrebbe diventarlo nelle future edizioni. Per ora si vince il titolo di Master under 36 in ciascuna delle due categorie in cui la competizione è suddivisa. Ma soprattutto, chi parteciperà verrà valutato dai nostri talent scout (in alcuni casi, ri-valutato) e aumenterà le sue possibilità di entrare nel Club Azzurro, ovvero ovvero nella rosa dei candidati alla Nazionale Open.