MDSChampionsCup2015La prima giornata di qualificazione non è stata troppo brillante per i nostri colori, visto che ANGELINI si trova al quarto posto – ancora utile, tuttavia, per un posto nella lotta per il titolo – e ALLEGRA giusto subito dopo, a 7 VP di distanza dalla qualificazione.

Guidano gli “inglesi” di EBU TEAM (le virgolette stanno ad indicare che di inglese c’è solo il capitano: i cinque giocatori sono i norvegesi Boye Brogeland, Espen Linqvist ed Eric Saalesminde, l’irlandese Tom Hanlon ed il pachistano Zia Mamhood), che hanno marciato ad un ritmo davvero impressionante, seguiti dagli olandesi di BC’T ONSTEIN (una delle due squadre non italiane ad aver vinto questo titolo, anche se con una diversa formazione) e dai francesi di SOULET (sebbene non attesa così in alto, non bisogna però dimenticare che la squadra contiene due formidabili giocatori, campioni olimpici ed europei una trentina d’anni fa, nella persona del capitano Philippe, e di Michel Lebel).

Questa la classifica completa al momento:
1. ENG-EBU TEAM    83.19
2. NED-BC’T ONSTEIN    74.31
3. FRA-SOULET    68.53
4. ITA-ANGELINI BRIDGE S.R.L.    66.92
5. ITA-G.S. ALLEGRA    59.31
6. ENG-ALLFREY    57.60
7. DEN-PHARMASERVICE    56.77
8. BUL-RADKOV    53.71
9. SWE-UPPSALABRIDGEN SKALMAN    52.45
10. TUR-CAYYOLU BRIDGE CLUB    52.13
11. NOR-HEIMDAL BK    50.42
12. ROM-TOP BRIDGE BUCHAREST    43.66

Il cammino che ancora manca – altri cinque incontri – è duro per i torinesi, visto che oltre a bulgari e turchi devono ancora incontrare le due formazioni inglesi, ed i francesi di Soulet. Ma volendo essere ottimisti – ed i nostri sono dei formidabili campioni – si può invece dire che il calendario è dei migliori possibili, dato che presenta ben tre scontri diretti, e quindi permette di scavalcare gli avversari contro i quali ci si confronta.
Per i romani, invece, ci sono olandesi e francesi, ma anche tre incontri più tranquilli. Intorno alle 20.00 di qui – le 21.00 in Italia – conosceremo i nomi delle quattro contendenti per la coppa e gli accoppiamenti di semifinale. Dovessero qualificarsi entrambe le italiane, dovranno allora obbligatoriamente affrontarsi subito, principio che si applica anche alle due formazioni inglesi.