L'Esperto risponde

utente

Caro Maurizio, ti chiedo un’opinione su una questione trita e ritrita, ma che vedo e sento giudicare
in vario modo: quella dell’Alert sbagliato.

Esempio:
Sud apre di 1SA (classico 15-17); Ovest interviene di 2Fiori (con le Fiori)… Est Alerta e, dopo pensata, dice: “Bicolore Nobile”; Nord Passa; Est dice 2Cuori
e tutti Passano.

MDS2015_11_192Fiori = Alertato da Est, che dopo lunga pensata dice “Bicolore nobile”

Scende il morto e viene chiamato il Direttore, che dice: “giocate”.
Esito: 2Cuori+1.
Quale decisione ora deve prendere il Direttore?
Ciao da Antonio Rotteglia del glorioso Circolo “Perroux” di Modena

Caro Antonio,
non esiste una risposta alla domanda così come formulata, perché le circostanze possibili sono molteplici, e dipendono da fattori che tu non espliciti.
L’argomento è molto vasto, ma vedrò di fare del mio meglio per sintetizzare:
– innanzitutto, bisogna ricordare che quanto una spiegazione non sia conforme alle carte possedute – niente rileva in questa fase se sia giusta o sbagliata – è stata, per definizione, trasmessa un’INA: il compagno di chi ha spiegato sa infatti adesso che c’è stata un’incomprensione, informazione che non può però usare.
– ammesso che niente ci sia da fare per l’arbitro in questo settore – circostanza rara – ci si dovrà allora preoccupare di stabilire se la spiegazione data fosse conforme al sistema, e che si sia quindi in presenza di un errore di licita (Articolo 75C), oppure, al contrario, fosse sbagliata (Articolo 75B).
– nel primo caso, niente è allora dovuto agli avversari: non è stata commessa alcuna infrazione, poiché lo sbagliarsi non è peccato (e ci mancherebbe altro!).
– nel secondo, invece, si può innescare un meccanismo risarcitorio, secondo quando previsto dall’Articolo 12, e la procedura può essere anche molto complessa.
Venendo al tuo caso, la prima cosa che deve fare l’arbitro è stabilire se sia stata sfruttata l’INA, o meno. Dato che Ovest è passato su 2 Cuori questo appare improbabile, ma è ancora non impossibile: poteva per esempio darsi il caso che Ovest, a fronte di una licita di 2 Cuori che lui era tenuto a considerare naturale, dovesse rialzare a tre, o magari quattro Cuori. Ma naturalmente, per esprimermi mi servono le carte.
Poi, deve accertarsi di chi, tra Est ed Ovest avesse ragione. Al riguardo, bisogna ricordare che per affermare che avesse ragione Est, ovvero che si fosse in presenza di un errore di licita, EO dovevano fornire una prova concreta che così fosse, di norma scritta.
Infine, se avesse appurato che era Est ad avere torto, l’arbitro doveva allora verificare se l’informazione sbagliata avesse, o meno, procurato un danno a NS, e poi, se del caso, risarcirli nella misura di quel danno. Ancora una volta, senza carte niente posso aggiungere.
Cordiali Saluti,
Maurizio Di Sacco