openpairs2015I vincitori del Cavendish a coppie open: Adam Mesbur e Nicholas Fitzgibbon
premiati da Gianarrigo Rona (Presidente WBF) e Jean-Charles Allavena (Presidente FMB)

Si è conclusa anche l’ultima gara della settimana di Monaco: il torneo Cavendish a coppie.

Il prestigioso – potremmo dire lussuoso – evento, pressoché unico nel calendario agonistico, è stato preceduto dalla classica asta, durante la quale tutte le coppie iscritte sono state presentate e acquistate dal miglior offerente.

Le cospicue quote di iscrizione e le offerte degli acquirenti hanno composto due distinti circuiti di premi: il primo riservato ai giocatori, il secondo a chi si è aggiudicato una o più coppie durante l’asta.

I giocatori acquistati al maggior prezzo sono stati i norvegesi, bridgisticamente monegaschi in quanto componenti della Nazionale del Principato, Tor Helness e Geir Helgemo, battuti all’asta per 35.000 Euro, seguiti da Giorgio Duboin e Agustin Madala (30.000 Euro) e Zia Mahmood e Dennis Bilde (25.000 Euro).

Nessuna di queste coppie ha però conquistato la medaglia d’oro, che quest’anno è andata a due giocatori della nazionale irlandese senior: Nicholas Fitzgibbon e Adam Mesbur, in testa per quasi l’intera gara. Nessuno aveva acquistato la coppia, che quindi ha dovuto provvedere autonomamente non solo alla propria quota di iscrizione ma anche al valore della base d’asta, 5000 Euro. Spesa più che ampiamente ripagata, visto che il bottino complessivo dei due irlandesi ammonta ora niente meno che a 134.500 Euro.

La medaglia d’argento è andata a Vytas Vainikonis e Wojcech Olanski, dalla Lituania, quella di bronzo a Sam Bahbout e Mike Vandervorst, entrambi provenienti dal Belgio. Anche nel caso di queste coppie, l’asta non era stata favorevole, ma ora non dovranno spartire il montepremi con nessuno.

ladiespairs2015Le vincitrici del Cavendish Ladies: Valerie Labaere e Renata Saporta
premiate da Yves Aubry (Presidente EBL) e Jean-Charles Allavena (Presidente FMB)

Nel parallelo circuito femminile, il trofeo è andato a Valerie Labaere e Renata Saporta, rispettivamente provenienti da Belgio e Francia, ancora una volta non acquistate durante l’asta. Secondo posto per la coppia russa formata da Diana Rakhani e Maria Rakovleva e bronzo per le polacche Anna Sarniak e Cathy Baldysz.

Ottima la prestazione degli italiani in gara. In particolare, Mario D’Avossa (vice Presidente FIGB) e Stelio Di Bello, Andrea Manno e Massimiliano Di Franco e Giorgio DuboinAgustin Madala si sono tutti qualificati per la finale A dell’evento open, così come Cristina GolinIrene Baroni Giorgia Botta (in coppia con l’americana Lindsey Weinger) nel femminile. Da segnalare anche il grande risultato di Gabriella OlivieriGianna Arrigoni, vincitrici della finale B. Al torneo ha partecipato anche il Presidente FIGB Gianni Medugno, in coppia con Gianpaolo Rinaldi, coach della Nazionale femminile.rankopen

rankwomen