utente

Spett. Redazione BDI online,
ho avuto modo di leggere la notizia del 2 Marzo con cui si propaganda l’avvenuto inserimento nel calendario di una serie di simultanei a sostegno del Bridge giovanile italiano. Ben venga tale iniziativa, sicuramente meritoria e necessaria. Peraltro, quello che non risulta chiaro è il motivo per cui si sia deciso di sovrapporre tali simultanei a quelli europei e mondiali, eliminando così l’unica possibilità di confronto che consentiva ai giocatori scarsi (come me) di confrontarsi a livello europeo e mondiale. Una scelta totalmente illogica, era sufficiente scegliere qualsiasi altra data non sovrapposta agli eventi sopra nominati. Sperando in una rapida risposta, vi saluto cordialmente.
Andrea Sammuri (SMR042, Eur Tevere King’s Bridge)

Rodolfo Cerreto

La presenza di coppie italiane nei simultanei mondiali ed europei era talmente preponderante da far perdere, a nostro avviso, la ragione d’essere di tali manifestazioni.
Abbiamo pertanto preferito sostituirli con una manifestazione locale, sia pure a scapito di una valenza tecnica inevitabilmente inferiore.
Cordialmente,
Rodolfo Cerreto