L'Esperto risponde

utente

Buongiorno,
chiedo lumi
su quanto accaduto.

Questa la dichiarazione:

Nord apre di 2Quadri (Alertato 18-19 p.o. Bilanciati).
Est dichiara 3Quadri (non Alertato).
Sud Contra.
Ovest, non comprendendo le licite, pensa e Passa.
Nord protesta perché Ovest ha pensato troppo e Passa.
Est corregge a 3Cuori (il 3Quadri era per lui una surlicita bicolore Cuori/Picche).
Sud Contra ancora, Ovest Passa, Nord Passa.

Risultato 3Cuori fatte.

Interviene l’Arbitro, che corregge il risultato in 3Quadri-6.
Est aveva o no il diritto di correggere?
Grazie,
Giorgio

Maurizio Di Sacco

Caro Giorgio,
gli elementi di cui dispongo sono assai scarsi per rispondere con compiutezza, dato che mi servirebbe il diagramma completo della mano, e le motivazioni dell’arbitro.
In linea generale – ma, lo ripeto, con approssimazione e beneficio d’inventario – la decisione riportata sembra sbagliata, in una situazione che è un vero e proprio classico del genere. Se è infatti vero che Est era in possesso di un’INA (il mancato Alert del compagno, prima ancora dell’esitazione), è però altrettanto vero che il Passo di Ovest non ha, nell’accezione comune, il significato di “voglio giocare 3Quadri Contrate”, ovvero quello che giustificherebbe il punteggio riportato. Invece, la collocazione pressoché universale è quella che prevede la neutralità del Passo medesimo rispetto alla scelta di uno dei colori del compagno. In sintesi, un “fai tu, che io non preferenze”.
In questo scenario, Passare non rappresenta per Est un’alternativa praticabile (“logica”, secondo la definizione che ne dà il Codice), e dunque gli è permesso dichiarare (nel caso) 3Cuori.
Mi lasci però ribadire ancora una volta che quanto sopra è lungi dall’essere verità, in assenza delle precisazioni al momento mancanti.
Cordiali Saluti,
Maurizio Di Sacco