Copenhagen young bridge players

Questo articolo è ispirato all’editoriale di Mark Horton, pubblicato nell’ultimo bollettino del Festival di Copenhagen.

Il Festival di Copenhagen che si è disputato durante il fine settimana scorso ha premiato giocatori giovanissimi. L’evento più importante è stato vinto da Alfredo Versace e Mustafa Cem Tokay; l’Azzurro Campione del mondo in carica già alle elementari era un vero fenomeno del Bridge. Ma non è su di lui che vogliamo soffermarci oggi, bensì sugli under 20 vincitori degli altri tornei di Copenhagen, eventi meno prestigiosi ma comunque internazionali e di significativa valenza tecnica.

Per-Ora Cullin-Christian LahrmannIl torneo preliminare pro/am è stato vinto da uno studente di quinta elementare, Christian Lahrmann. Il giovanissimo Bridgista danese (11 anni) giocava in coppia con Per-Ora Cullin, svedese, medaglia d’oro ai World Mind Games 2012.

Cullin era fra le stelle battute all'”asta” indetta nei giorni precedenti al torneo per chi voleva aggiudicarsi un partner di altissimo livello per l’evento; un anonimo mecenate lo ha “acquistato” e “regalato” come compagno al giovane Christian. Alcuni staranno pensando che avere il Campione come partner ha fatto certamente la differenza; sicuramente senza un buon compagno non si può vincere, ma questo è vero sia per Nord che per Sud. Dopo le prime mani insieme, Cullin sapeva di potersi fidare ciecamente di chi aveva di fronte: un bambino con lo spirito di un campione, come lo ha definito Patrick Jourdain, Presidente dell’Associazione Internazionale dei Giornalisti di Bridge.

Christian Lahrmann

Lahrmann gioca a Bridge da quando aveva 7 anni, e dall’età di 9 è parte della Nazionale danese Under 20. Ha già tre esperienze internazionali alle spalle: gli Europei giovanili di Vejle (2012), quelli di Burghausen (2014) e i mondiali di Istanbul (2014). I suoi migliori risultati sono stati l’argento ai “Nordic Championships” e il bronzo a livello nazionale, la medaglia che Christian mostra nella foto.

Come molti giovani Bridgisti, ha imparato dal padre, che gestisce un circolo a Virum, in Danimarca. Deve conciliare la passione per il Bridge con i suoi impegni scolastici e con gli allenamenti di calcio, quindi gioca una volta a settimana, arrivando a un torneo al giorno durante le vacanze estive.

buusthomsenL’altro evento laterale del Festival di Copenhagen è stato il Radisson Blu Scandinavia, vinto da due under 20: Signe Buus Thomsen (Danimarca) e Mikael Rimstedt (Svezia). Anche Signe, 22 anni, fa parte della Nazionale danese, ma under 25, e gioca in coppia con il fratello minore Emil. Insieme hanno vinto, quest’anno, la medaglia di bronzo ai Campionati Europei a Coppie Miste Under 26, che si sono svolti a Burghausen; Signe ha così replicato il risultato ottenuto due anni prima con Dennis Bilde.

Mikael Rimstedt, 19 anni, è fresco di titolo mondiale: con la Nazionale svedese, è salito sul gradino più alto del podio dei Campionati del Mondo a Squadre Under 2o (Istanbul, Agosto 2014). L’anno prima, nella medesima categoria, il ragazzo aveva conquistato anche il titolo europeo. Se gli junior sono in generale noti per le proprie aperture aggressive, Mikael batte qualunque record della categoria, ed è famoso per i suoi barrage a livello 4, 5 o addirittura 6!

“Il sangue non è acqua,” è l’espressione più appropriata per definire questo giovane prodigio. La madre, Ann Rimstedt, ha trasmesso la passione per il Bridge ai suoi quattro figli, tutti plurimedagliati: Sandra, nata nel 1987, Cecilia (1988) e i gemelli Mikael e  Ola (1995).

Rimstedt Family

Sandra e Cecilia  sono entrambe World International Master. Insieme hanno conquistato un argento e un bronzo ai Campionati Europei Giovanili a Squadre Femminili. Passata di categoria, Sandra ha ottenuto, con la Nazionale maggiore, il suo successo più prestigioso, il bronzo ai Campionati Europei (nel 2010).

Qualcuno di voi forse può ricordarsi di Cecilia fra i corridoi e le sale del Palazzo dei Congressi di Salsomaggiore: la giovane svedese ha infatti giocato in più occasioni il Campionato a Squadre Miste con la formazione Lavazza, conquistando il titolo italiano nel 2012 e nel 2013.

I gemelli Mikael e Ola condividono gli stessi successi. Pur facendo entrambi parte della Nazionale svedese under 20, però, inaspettatamente non fanno coppia insieme.

La dinastia Rimstedt ha già un erede: William, nato nel 2013 dall’unione fra Cecilia e Patrick Joahnsson (anche lui Bridgista ed ex Nazionale juniores). Se vi sembra troppo presto per preoccuparsi di William come avversario, sappiate che il piccolo ha già partecipato a un mondiale, le World Bridge Series 2014 che si sono svolte in Cina. Era lì solo per… angolizzare… Ma ha riscosso molto successo, come si vede da questa foto.

William Rimstedt

E i nostri Campioncini ???

In Italia non mancano le piccole grandi stelle.
Con il 2015 inauguriamo una nuova sezione di Bridge D’Italia Online: quella dedicata agli

under 35

Potrete accedere all’area cliccando nell’apposito bottone nella colonna a destra
(uno slider vi permetterà di navigare fra gli articoli più recenti, mentre il bottone “utti gli articoli” vi porterà nella sezione).

Avremo così modo di entrare a fondo nei dettagli del Bridge giovanile italiano ed estero. Stay tuned!