“Non può piovere per sempre” è la celebre frase di un famoso libro. La giornata di Salsomaggiore Terme è iniziata con il sole (dopo la pioggia di ieri), ed è proseguita consegnandoci il finale della vicenda che aveva cominciato a raccontarci ieri, quando 115 coppie hanno raggiunto il Palazzo dei Congressi per disputare il Campionato Allievi (diviso nei tre raggruppamenti I anno, II anno e Pre-Agonisti) e il Trofeo di 3a categoria a Coppie Miste/Signore.
Dopo i visi troppo soddisfatti o al contrario troppo delusi di ieri sera, quando si erano disputati due dei tre turni previsti, i partecipanti, soprattutto i meno esperti, erano stati avvertiti: la classifica, finché non è definitiva, non è che il fotogramma di un film in pieno svolgimento e talvolta sarebbe meglio non guardarla affatto per evitare di esserne influenzati.
La vittoria, ad esempio, è stata il lieto fine di Gioia Gramaglia e Silvio Moretti (ASD Cecina Bridge). Erano quarti nel girone Allievi I anno, ma grazie all’ottima performance di oggi hanno trasformato il loro ipotetico legno in una medaglia d’oro. Cosa rispondereste alla domanda “Chi è il tuo giocatore di Bridge preferito in assoluto?” Quando a Gioia e Silvio è stato sottoposto, individualmente, questo quesito, entrambi hanno indicato senza esitazione il nome dell’altro. Ora ci si potrebbe chiedere quanto conta l’affiatamento di coppia in un oro; probabilmente moltissimo, soprattutto quando tecnica ed esperienza sono ancora acerbe. Giulia Galanti e Giulio Federico Corsi, meravigliose creature del corso under 35 organizzato dal Comitato Regionale Lazio, sono saliti sul secondo gradino del podio; Flavia Villeggia e Umberto Avalle (Roma TOP Bridge) si sono invece confermati terzi, come già risultava dalla classifica provvisoria di ieri.
Rosella Gollin e Paolo Benigno (Monza Bridge), Allievi II anno, ieri sera erano primi, ma strettamente marcati dai secondi. Con freddezza, marito e moglie hanno raggiunto il traguardo, e questo è il secondo oro per la coppia: insieme lo avevano conquistato anche l’anno scorso, quando erano agli esordi. Il segreto del loro successo è proprio la capacità di mantenere distacco e concentrazione anche in situazioni di pressione agonistica, oltre a una forte determinazione. Hanno imparato questo atteggiamento con le arti marziali, disciplina che praticano entrambi ai massimi livelli da molti anni. Maria Cristina Rovida e Oreste Zambelli (Il Bridge Milano) hanno conquistato il secondo gradino del podio, Fabrizia Blasucci e Paolo Marongiu (Top Bridge) il terzo.
Monica Fichera e Santino Zecchini (C.lo del Bridge Bologna), Allievi Pre-Agonisti, ieri sera avevano già distaccato di molto i secondi, e la loro gara non ha mai conosciuto suspance. La prestazione sopra media di oggi ha accorciato le distanze, ma è stata largamente sufficiente per confermare il loro oro. Una menzione di merito a Monica, che gioca solo da un anno; volendo partecipare al Campionato con Santino ha dovuto adattarsi a giocare con i più esperti, e che esordio! Maria Luisa Sisella e Mauro Gandin (Alessandria Bridge) si sono assicurati il secondo posto; sul terzo gradino del podio è salita la coppia femminile formata da Paola Cimitan e Flavia Vecchina (C.lo Eremitani Padova).
Ben più combattuto il finale del Trofeo di Terza Categoria, conteso al centesimo di punto. Hanno prevalso Egle Quadrani e Massimo Alessi (Viterbo Bridge), seguiti da Elena Variali e Yvan Cusati (Bridge Institute 2000) e da Claudia Caffarelli e Jan Sawieljew (anche loro di Viterbo Bridge).
Sta per cominciare la gara a Squadre. Da qualche Allievo ho sentito dire “tanto vinceranno gli stessi del Coppie, sono più bravi”. Non avete letto la prima riga della news? Non può esserci il sole per sempre.