scozzese_art

L’ottavo episodio della saga di Luca Marietti “Diavolo di uno scozzese”, dedicato alla strepitosa letteratura tecnica dello scozzese Hugh Kelsey.

Contratto: 5PiccheX (il Contro è arrivato da Ovest)
Attacco di FioriA, ritorno di CuoriA.

Se la distribuzione vi sembra particolare, prestate attenzione alla licita, vi servirà anche per impostare il piano di gioco.

In teoria avete in mano otto prese di testa a Picche, l’QuadriA e due tagli a Cuori, undici prese giuste giuste.
Ma, mi domando e dico, vi pare mai che se Ovest fosse partito con almeno un’atout non l’avrebbe messa in tavola al posto dell’CuoriA una volta visto il morto?

Da cui si deduce che Est è partito col 10 terzo a Picche e che se tagliamo due Cuori pagheremo alla fine una Picche, una Cuori e la Fiori iniziale.

La dichiarazione suggerisce che Ovest è partito con una 6-6 e il singolo a Quadri o al massimo con una 6-5 e due Quadri.
A Cuori e Fiori, visto il controgioco e il Contro, possedeva in partenza Asso e Re.
Eccoci quindi alle contromisure.
Proviamo a non tagliare ma a scartare sull’CuoriA.
Rimasto in mano, l’avversario non può tornare a Cuori o Fiori senza regalare e intavolerà Quadri.
Potremmo anche provare l’impasse, ma di fatto è meglio mettere l’Asso e in tavolare la Dama; vinceremo con il singolo a sinistra o anche con xx o Jx, perché il fatto di non aver tagliato l’CuoriA ci ha preservato un rientro per sviluppare l’undicesima presa a Quadri.
Dama, Re e taglio, Picche al morto, scoprendo la 3-0, e Quadri10, Fante tagliato, Cuori taglio, Quadri9 buono, eccetera.
Tutte nostre.
Non facile lisciare l’CuoriA, non vi incolpate se non vi è venuto in mente.