Alla fine del toboga dell’Individuale – la competizione dove si ha spesso l’impressione di viaggiare sulle montagne russe, con la differenza che il percorso nemmeno è disegnato prima! – è emerso vincitore Gianni Gualtieri, il quale ha saputo tanto bene affrontare le fluttuazioni della fortuna, da rimanere costantemente nel gruppo dei primissimi, e realizzare percentuali simili nelle tre sessioni (65,36 [4°], 62,58 [6°], 61,02 [19°]).
Vicinissimo – la miseria di 13 mp, ovvero lo 0.35% – Giuseppe Pagani, e terzo, appena un pochino più staccato, Renzo Mieti.
Ecco i primi dieci:

1°    63.02   GUALTIERI Gianni
2°    62.67   PAGANI Giuseppe
3°    61.70   MIETI Renzo
4°    60.95   GAMALERO Enrico
5°    60.07   GENCO Maria Teresa
6°    59.53   VERONESE Luciano
7°    59.01   CARZANIGA Bruno
8°    58.46   NOTARI Renato
9°    58.01   PASTORI Felice
10°    58.01   CILLI Giovanni

Una pioggia di premi si è abbattuta sui giocatori: oltre alle medaglie ai primi, ci sono state coppe per altri 22. Tutti questi, poi, sono stati “avvinazzati” a suon di pregiate bottiglie di Chianti “Villa Fabbriche” per festeggiare il piazzamento di prestigio con qualche buon bicchiere.
Domani “Coppie Open”, e, in particolare, la prima fase, di qualificazione, sulla distanza di 30 smazzate. I primi sedici si giocheranno la medaglia d’oro nella FINALE A di venerdì, mentre agli altri non rimarrà che contendersi i premi – anch’essi assai numerosi – a disposizione nelle varie finali di consolazione nelle quali verrà diviso l’evento.