Caro Maurizio,
una domanda sempre sul caldo fronte “psichica o no”, ma da un punto di vista diverso dal solito, direi quasi speculare.
Al recente campionato a Coppie Miste, selezione toscana, mi trovo con:
Picche 10xxxx   Cuori AKx   Quadri xx   Fiori AKx
e apro (5a Maggiore, Quadri Quarte) di 1Picche, cui la compagna risponde con un positivo 2Fiori (non necessariamente quinto).
A causa di alcuni trattamenti che avevamo discusso a voce ma non codificati, e che non ricordavo bene, mi è venuto il dubbio (infondato) che una ridichiarazione di 2SA promettesse una mano di rovescio, e che la licita minima da sistema dovesse essere 2Picche.
Data la notevole bruttezza del colore di Picche, ho optato per un farisaico 2Quadri.
Seguono 2Cuori, 3Fiori (io) e una chiusura a 3SA.
Tutto (a parte forse il 2Fiori) definito come naturale da tutte e due le parti e non allertato.
Sull’attacco a Cuori scende il morto, richiesta di spiegazioni, Direttore…
Il 3SA+3 ottenuto al tavolo è diventato 3SA+1.
Nessun problema: la nostra classifica era mediocre e tale sarebbe rimasta.
Inoltre le mie spiegazioni al Direttore sono state confuse e poco convincenti, e soggettivamente sono convinto di essermi meritata la sanzione.
Mi è rimasto però un dubbio, che è il motivo del mio messaggio.
In un campionato le psichiche sono consentite.
Se, furbescamente, avessi motivato la mia licita come una psichica rivolta ad evitare l’attacco a Quadri, non avrei potuto essere sanzionato. O sbaglio qualcosa? E, se non sbaglio, è giusto?
Cari saluti
Paolo Paolicchi (PLL230, Cascina Bridge La Torre)

Ciao Paolo,

il problema qui non è rappresentato dall’argomento “psichica”, azione che, come giustamente dici, non è sanzionabile se non nei tornei locali.
Ciò di cui si tratta è invece un possibile accordo di coppia, non svelato.
Mi spiego: senza una qualche prova, l’arbitro è chiamato a sospettare che la struttura del sistema sia tale per cui la licita di 2Quadri discenda direttamente, per inferenza, dalla struttura stessa.
Ciò che hai inizialmente affermato (e che, con ogni probabilità, è proprio quello che ha indirizzato l’arbitro nella sua decisione), ovvero che non fossi sicuro del significato di 2Picche e di 2SA, lo ha probabilmente portato ad avere qualche dubbio.
Un dubbio relativo al fatto che non potendo dire 2SA per difetto di forza, né 2Picche per difetto della qualità del colore, 2Quadri fosse (possibilmente) la scelta “sistemicamente” corretta.
Come capirai, anche un minimo dubbio è sufficiente per decidere in favore del partito innocente, ed è questo che io credo sia avvenuto, in ossequio in primis all’Articolo 40 del Codice, e quindi all’Articolo 75 del Codice di Gara, paragrafo B.
Per non incappare in un giudizio sfavorevole, avresti dovuto essere in grado di dimostrare che la tua era una scelta tecnica del tutto estemporanea, o se vuoi una psichica, cosa non così difficile, se non avessi “pasticciato”, inducendo nell’arbitro il dubbio fatale 🙂 .