Nel secondo turno dell’Open Angelini (Francesco Angelini, Leonardo Cima, Valerio Giubilo,  Lorenzo LauriaAlfredo Versace) incontra gli “indigeni” di Barracuda (Geert Arts, Daniel De Roos, Steve De Roos, Raf Vermeiren).

Sala Aperta:

Ovest attacca col Cuori9.  Versace entra con l’Asso sul Re di Est e tira il FioriK. Quando vede il 10 di Est, gioca il Fiori9 a girare. Est entra di Dama e continua piccola Picche per la Dama di Sud e l’Asso del compagno che torna nel colore senza incassare la CuoriQ. Est può incassare le sue Picche prima di cedere le rimanenti al dichiarante. 2 down -200.

Anche qui l’attacco è piccola Cuori per il Re e l’Asso. In questa sala però Sud indovina a Fiori giocando piccola all’Asso e catturando poi la Dama di Est al secondo giro nel colore. Dopo cinque giri di Fiori, Ovest, prima dell’ultimo giro di Fiori, è rimasto con:
Picche A 6 Cuori Q1094 Quadri Q4 Fiori
e deve decidere cosa scartare. Quando Giubilo opta per il Picche6, il dichiarante tira tre giri di Quadri. Est entra di Fante sul terzo ma non può far di meglio che giocare Picche per l’Asso del compagno che deve portare l’ultima Cuori a Nord.
Questa Cuori costituisce la nona, fondamentale presa, per il mantenimento del contratto.

Ovest attacca col Quadri2 e la Dama del morto viene catturata dal Re. Il ritorno di piccola Fiori arriva fino alla Dama del morto. Una Cuori sparisce sull’QuadriA ed il proseguimento è Fiori per il Re. Ovest taglia e torna col Quadri10 tagliato dal dichiarante che continua con piccola Picche per il 10 di Ovest. Cuori2 per il Re di Est e ancora Fiori sulla quale Est scarta il Cuori6. Versace gioca ora Picche ed Ovest incassa le sue 3 vincenti in atout. 3 down -300.

Sud attacca Quadri per l’Asso di Nord che rigioca nel colore. Taglio di Sud che muove il Fiori10 lasciato in presa da Nord. Sud gioca Picche, Nord taglia, dà un altro taglio a Quadri al compagno che, a sua volta, lo rifà tagliare a Picche. La difesa ha così fatto le prime 6 prese condannando il contratto ad una presa di caduta. Altri 9 imps a Barracuda che finisce col vincere il match per 24 a 2.

Angelini risale la china piano piano e all’ottavo turno, affronta i Rumeni di Coldea (Ionut Coldea, Ovidiu Ghigheci, Bogdan Marina, Iulian Rotaru).

Sala Aperta:

13SA = Gambling

Versace, in zona ed a compagno passato non se la sente di contrare l’apertura di Sud. In difesa si perde una presa per strada ed il contratto cade di 2. -200.

Sala Chiusa:

In questa sala c’è un’apertura diversa e gli orizzontali raggiungono il contratto di 4Picche che Est realizza indovinando a Cuori.  +620 e 9 per Coldea.

Sala Aperta:

Quando Angelini dichiara 4Picche dopo l’intervento di Versace, Nord deve fare una scelta e, date le carte possedute, opta per il 5Cuori. La difesa incassa i tre Assi che possiede ed il contratto cade di una presa.

Sala Chiusa:

Sul 2SA di Giubilo, Ovest entra di Contro ma, sul successivo 4Cuori di Lauria, Est non se la sente di rischiare 4Picche. Questo contratto cadrebbe comunque di 2 prese a meno che Sud non attacchi con un pezzo di Fiori. In questo modo si andrebbe solo 1 down.
Est attacca col PiccheJ e, rimasto in presa, prosegue nel colore. Lauria taglia e gioca Fiori. Quando il Re del morto fa presa, Nord continua con la QuadriQ coperta dal Re e dall’Asso. La difesa non può incassare altro che l’CuoriA. +450 e 11 per i romani.

Sala Aperta:

Est attacca col Fiori5 e la Dama del morto fa presa. Una Picche sparisce sulla seconda testa di Quadri e poi il dichiarante gioca Cuori per la sua Dama ed il Re di Est che incassa l’PiccheA e continua nel colore per il taglio del dichiarante che incassa l’CuoriA,taglia una cuori e poi gioca il FioriJ montato dall’Asso. Così Versace può incassare il suo Re. 10 prese e +130.

Sala Chiusa:

Ovest attacca con il Quadri4 e la Dama di Est viene catturata dall’Asso del dichiarante che gioca il FioriJ coperto dal  Re e dall’Asso di Nord. Se a questo punto Giubilo fosse rientrato in mano a Fiori e avesse giocato il Cuori9 lasciandolo girare qualora Ovest non avesse superato, la Manche sarebbe stata già in porto. Ma anziché affidarsi a questa chance remota, decide di giocare piccola Picche.
Est entra di Asso e gioca il Quadri2. Per il 10, il Fante e lo scarto di una Cuori da Nord.
Ovest, a questo punto, sorprendentemente mette in terra il CuoriJ per la Dama di Nord ed il Re di Est che rigioca Quadri. Ma è troppo tardi. Il dichiarante entra scartando un’altra Cuori dal morto, poi prosegue facendo girare il Cuori9.
Quando questa carta fa presa, reclama 9 prese per un +600, 9 punti per Angelini e per la fine della leggenda che voleva gli Italiani sempre perdenti con me al tavolo.
Angelini vince infatti 22 a 11. In seguito però le cose non sono andate molto bene per i romani che sono usciti dai KO. KO nei quali è entrata una sola squadra italiana, quella di Zaleski (Romain Zaleski, Benito Garozzo, Mario D’Avossa, Riccardo Intonti, Massimo Lanzarotti, Andrea Manno).

Traduzione a cura di Alberto Benetti