“Cos’è un nome? Ciò che chiamiamo rosa, 
con qualsiasi altro nome avrebbe lo stesso profumo…” (William Shakespeare, “Romeo e Giulietta”)

A Campionato già iniziato, la squadra Zaleski (Romain Zaleski, Benito Garozzo, Mario D’Avossa, Riccardo Intonti, Andrea Manno, Massimo Lanzarotti) ha cambiato nome diventando Breno.
Breno è un paese della Lombardia dove c’è un circolo sportivo nel quale si gioca anche a Bridge e del quale Zaleski è socio. Nei Quarti di Finale, col nuovo nome, gli ex Zaleski affrontano un team di ottimo livello: Deutschland (Joerg Fritsche, Michael Gromoeller, Helmut Haeusler, Roland Rohowsky).

Sala Aperta:

1SA = 12-14

Il dichiarante prende di Asso al morto l’attacco di Picche4, tira 4 giri di Fiori scartando una Picche dal morto e poi gioca Quadri per la Dama e l’Asso. Prende di PiccheK  il ritorno di Dama nel colore e gioca Quadri al Re per poi tirarsi l’ultima Fiori scartando l’ultima Picche del morto. Giocata molto tecnica anche se questa volta lo squeeze non serviva essendo divise le Cuori. +490. 

Sala Chiusa:

1SA = 11-14

Nord attacca di QuadriA e continua Quadri. Lanzarotti prende al morto e si tira tutte le Fiori scartando due Picche dal morto. Poi incassa le due teste di Picche e prosegue con CuoriA e Cuori al Re. Come nell’altra sala, anche in questa lo squeeze Cuori/Picche, comunque giustamente tentato, non è necessario. +920 e 10 per Breno.

Sala Aperta:

4SA = Due pali giocabili, generalmente i minori

Credo che Nord, col suo Surcontro, stesse cercando di mostrare una mano forte, ma Sud non può far altro che dichiarare 5Fiori. Si perde solo l’QuadriA.

Sala Chiusa:

5SA = Due pali giocabili, generalmente i minori

Il 5Cuori di Nord, decisamente aggressivo, praticamente obbliga i N/S a dichiarare lo Slam.
Quando poi però Lanzarotti dichiara 6Cuori, Nord valuta la sua mano degna di un “passo forcing”  e Sud, che pensa che la dichiarazione iniziale di Nord debba venire da una mano più forte, prima dichiara il Grande e poi Surcontra. La difesa incassa subito la sua presa a Quadri e Breno “incassa” 12 imps portandosi 26 a 0.

Sala Aperta:

Ovest attacca con l’Picche8 ed Est, incassati tre pezzi nel colore, continua con QuadriA e Quadri. Il dichiarante entra, controlla la divisione delle Atout, e reclama le rimanenti.

Sala Chiusa:

Manno deve aver tirato un bel sospiro di sollievo quando si è accorto che non doveva sperare nell’attacco a Picche o a Quadri  del compagno, visto che era lui ad attaccare.
I 500 punti conquistati in questa sala, uniti ai 110 dell’aperta, portano altri 12 imps nelle casse di Breno.

Sala Aperta:

2Fiori = Gazzilli
2Quadri = 8+
3Cuori = 16+

Mi domando se qui non si sia creata una certa confusione e se Garozzo non abbia ipotizzato una mano molto più forte in Nord. Il suo 4Picche dovrebbe essere una richiesta di carte-chiave e il suo 5Cuori una scelta obbligata quando Zaleski dice di averne solo 3.
Est attacca Cuori. Il dichiarante prende di Re ed incassa l’FioriA. Quando vede cadere il Re, va al morto con l’CuoriA, gioca Quadri all’Asso, batte le Atout e reclama 11 prese. +450.

Sala Chiusa:

1SA = 6-12

Est attacca con l’PiccheA e poi continua anche lui con il Cuori2. Il dichiarante prende di Re e poi fa una giocata decisamente originale: gioca la FioriQ di mano. Ovest entra col suo Re secco, gioca la sua Picche più piccola per il compagno e poi taglia il ritorno di questi a Fiori. 1 down ed altri 11 per Breno che si porta 49 a 0.

Il Team Deutschland accorcia le distanze guadagnando 13 imps quando chiama uno Slam a Picche che si fa grazie alla 3/3 dei resti a Fiori e alla 3/2 di quelli a Picche.

Riduce ulteriormente le distanze nel Board 14.

Sala Aperta:

2SA = I due rossi
3Cuori = Picche

Sud incassa l’QuadriA e poi gira a Cuori con la Dama. Il dichiarante entra in mano, batte le Atout e poi gioca Fiori al 10. 12 prese.

Sala Chiusa:

Quando l’agguerrita azione di disturbo dei N/S ha termine, gli orizzontali iniziano le Cue Bid (il Surcontro di Ovest dà quella di primo giro a Cuori) e poi finiscono con l’ approdare a 6Fiori. Il dichiarante batte in testa le Atout e non può evitare di perdere una Fiori ed una presa nei rossi. 11 per i Tedeschi.

Ma Breno riesce poi ad amministrare bene i 23 punti di vantaggio (49 a 26) che ancora gli rimangono e ad accedere alle Semifinali.
Il cambio dei nome si rivela una scelta azzeccata.

Traduzione a cura di Alberto Benetti