Salsomaggiore Terme, 14-17 Febbraio 2013. Le coppie di giocatrici che hanno superato la prima fase per l’accesso al Club Rosa si contendono i 16 posti disponibili nell’ultima fase. Fra queste, Cristina Golin (autrice di questo reportage) e Gabriella Olivieri

CADUTA ROVINOSA 2

4° sessione, board 21

Questa nefandezza non è farina del mio sacco, per una volta l’ho vista fare.

Attacco Quadri9 per il Fante , QuadriA tagliato di 7, sbirciatina sconsolata al morto, poi, l’unica linea di gioco possibile FioriA, FioriK, Fiori taglio, Picche per il K, Fiori taglio (EST cincischia e sadicamente non taglia alto prima del morto), PiccheQ per l’Asso e QuadriK tagliato di 10, CuoriK tutti bassi, CuoriQ Est prende. Sipario.
Dimenticavo, simpaticamente divise le Cuori anche stavolta e ricordo almeno un’altra 5-0 per gli amanti delle statistiche.

CONCLUSIONI

Al termine di questi 4 giorni stile “Non si uccidono così anche i cavalli” si sono imposte autorevolmente Gabriella Manara e Caterina Ferlazzo davanti alle sorelle Martellini e a Francesca Piscitelli e Margherita Chavarria, autrici di una formidabile ultima sessione, non quanto quella di Federica Brambilla e Raffaella Greppi, cui però non è bastato lo strepitoso +72 del sesto tempo per staccare il biglietto per Ostenda.

Le altre qualificate sono Simonetta Paoluzi e Ilaria Saccavini, Giorgia Botta e Margherita Costa (dai, c…) e le ottime Annaelisa Rosetta e Marilina Vanuzzi che ringrazio perché senza la loro collaborazione non avrei potuto scrivere un bel niente.

Altre 10 coppie vanno a completare il gruppo del Club Rosa che inizierà un programma di lavoro finalizzato ai prossimi europei.

Che altro dire ? Delusioni ? Indubbiamente Gabriella ed io potevamo fare di più, altre coppie le avrei date tranquillamente almeno nel gruppo delle 16, tipo Marina Causa ed Emanuela Fusari, Barbara Dessì e Claudia Pomares e Sara Cividin ed Ornella Colonna.

Ci sono state conferme autorevoli, come Gabriella Manara e Caterina Ferlazzo, la piacevole sorpresa della qualificazione di tutte le junior, una prestazione solida delle Martellini.

Cosa è mancato? Un po’ più di gioventù devo dire la verità.
Per usare una parola di moda è stato fatto poco scouting, mancavano coppie buona e consolidate come GigliottiDi Biasio e BacoccoliRosi, giocatrici giovani e promettenti come le sorelle Sculli, Vanessa Torielli (sono ancora in maternità?), le altre junior, e tutta la fascia delle giocatrici tra i 30 e i 40.
Chiediamoci perché, io non lo trovo un buon segno. Insomma ho giocato male, l’ambiente non era confortevole, il risultato è stato deludente, la formula non mi andava a genio, ma sono tornata a casa che ero DUE CHILI DICO DUE di meno.
VIVA LE SELEZIONI!!!!!!!!!!!!!!!!!

Tutti gli articoli della rubrica “Valanga Rosa”