Jacopo Volpi e Gianni Medugno

Mercoledì 24, come sapete, grazie all’ostinazione del nostro Gianni “non mollo l’osso” Medugno, alla disponibilità di Rai Sport nella figura amica del Vice direttore, Jacopo Volpi, e infine al Gruppo Angelini, punto fermo nelle iniziative di carattere mediatico e divulgativo, riprende la serie dei passaggi televisivi.

Giochiamoceli bene questi 30 minuti ogni 15 giorni (con replica ipso die) su Rai Sport. Sono spazi di diffusione, visibilità, informazione, devono generare curiosità e interesse.

Nella puntata d’esordio (18.30 su Rai Sport 2, replica alle 00.20) “il nostro uomo alla Rai”, il succitato Volpi, ha intervistato in doppio il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, e il nostro Presidente Gianni Medugno.

Con i potenti mezzi federali (c’è poco da scherzare, ci siamo mossi con due troupe), siamo andati nel luogo previsto per l’appuntamento, il prestigioso Circolo Canottieri Aniene, fondato nel 1892, salotto buono della capitale, dotato di un palmarès sportivo impressionante e presieduto dallo stesso Malagò che, inchiodato al CONI per impegni improrogabili, ci ha raggiunto con una telefonata per avvisarci di raggiungerlo in ufficio. Pochi chilometri di lungotevere, un ponte per attraversare il biondo fiume e siamo arrivati nel tempio dello sport.

Si respira aria di medaglie in quei saloni storici, in quei corridoi immensi, luminosi, pieni di storia. Mette un po’ di soggezione il palazzo. No, la gente no, tutti cordiali, disponibili, pratici, operativi, come dire, sportivi (!).
Siamo riusciti ad infilarci proditoriamente tra due riunioni, montare l’attrezzatura, realizzare un cinquino (5 minuti circa di materiale) smontare tutto e scappare in fretta e furia per non essere investiti da una processione di personalità in attesa del Presidente. Prima e durante l’intervista, ho rubato un paio di scatti col telefonino.
Restiamo amici, tralasciamo i commenti sulla qualità delle foto. Grazie.