Dopo i primi due turni di gioco l’Associato Allegra conduce la classifica dell’Open con 4 punti di vantaggio sui pisani di Muller. Chiudono il podio virtuale i romani di Angelini, a 5 punti dai secondi.

Nel parallelo campionato femminile è in testa la formazione Martellini di Genova. Segue, a 12 punti di distanza, Reggio Calabria Verdi, con una sola lunghezza di vantaggio su Reggio Emilia Fornaciari.

L’esordio dei campionati è stato abbastanza impegnativo dal punto di vista agonistico: considerate che nei primi quattro board c’era materiale per tre slam, fattibili o meno, ma sicuramente dichiarabili. Il prosieguo è stato più normale e lineare, ma non è mai mancato qualche picco che ha continuato a regalare emozioni ai numerosi spettatori presenti nel bridge rama, il teatro del bridge, e a quelli collegati in rete tramite BBO.

Siamo solo all’inizio, 32 mani alle spalle e 112 ancora da giocare per completare il “tutti contro tutti” previsto dal girone all’italiana. Il bridge è sport della mente, ma ci vuole anche un “fisico bestiale”, per rimanere in tema di canzoni…