Se negli ultimi anni, almeno una volta, avete partecipato a un Simultaneo, a un Campionato italiano, o avete seguito dal sito della Federazione i risultati in tempo reale di un Campionato Internazionale, stavate inconsapevolmente osservando il mirabolante lavoro del Prof. Gianni Baldi.
Difficilmente lo vedrete al tavolo da gioco, ma è presente dietro le quinte di tutte le principali manifestazioni di bridge e chi fa parte dello Staff ha quindi l’occasione di lavorare fianco a fianco con un uomo straordinario, che oltre a conoscere profondamente il suo campo si intende praticamente di tutto.
Ora immaginate di essere seduti al circolo di Bologna e di aver appena segnato sul vostro score il risultato di 4Picche giocate da Est.. Il direttore è nell’altra sala, ma improvvisamente lo vedete camminare verso di voi con passo deciso: il Professore, da Torino, lo ha appena avvisato che avete fatto un errore, perché in quella mano al vostro tavolo il dichiarante era Nord. Magia?

Ecco alcune informazioni tecniche su g2bWrama, il programma del Professore.

Gianni BaldiProf. Gianni Baldi

g2b/Wrama è il sistema che permette di caricare, registrare e visualizzare in tempo reale i risultati. E’ nato nel 2007-2008, quando il Presidente di EBL e WBF, Gianarrigo Rona, chiese di poter tornare a utilizzare il “vecchio e glorioso” g2b/Rama e di implementarlo affinché avesse una forma più nuova e moderna e potesse allo stesso tempo risolvere i problemi di comunicazione dei programmi di scoring usati da EBL (European Bridge League) e WBF (World Bridge Federation).

Gianni BertottoLa parte “g2b” del nome del programma deriva dalla collaborazione esistente fin dal 1975 fra il Prof. Gianni Baldi e Gianni Bertotto (nella foto), ”rama” dal programma DOS del 1985 e “W” sta per Web, l’ambiente per il quale il nuovo sistema era designato.

Il sistema può lavorare come una “shell” intorno a un altro per fornire risultati in tempo reale sia in locale che via internet, cosa che è costantemente stata fatta fin dai Campionati Europei di Pau 2010, in connessione con il programma di caricamento risultati TMS.

Può anche lavorare autonomamente sia per la registrazione dei risultati che per la comunicazione, utilizzando un sistema di registrazione come le Bridgemates di Bowland o il “Bridge Scorer” di Jannersten; è stato utilizzato per la maggior parte dei Campionati italiani e quotidianamente per i Simultanei a coppie fin dal 2008-2009; col tempo molti direttori hanno cominciato ad utilizzarlo per i tornei di club.

Ci sono almeno due grandi elementi che rendono il sistema davvero particolare e diverso da tutti gli altri. Il primo, è che non si tratta di un programma “normale”, ma di una vera e propria applicazione Web, a cui si accede direttamente da un Browser (cioè attraverso uno dei programmi che si usano per navigare, come Explorer, Firefox, ecc.); quindi, dopo aver preparato un server Web remoto o locale, può essere utilizzato direttamente da qualunque numero di postazioni senza dover installare assolutamente nulla.

Secondo, è un progetto Open Source: ovvero il codice ASP è totalmente disponibile gratuitamente per poter essere utilizzato da tutti ed eventualmente anche adattato a particolari condizioni; naturalmente è stato concordato che qualunque miglioramento sia condiviso.

Un altro importante elemento è la struttura naturalmente “multilingue“. Questo può essere meglio compreso con un esempio: in occasione del torneo Cavendish, la pubblicazione da Monaco via internet automatica dei risultati è stata prodotta in inglese (linguaggio nativo di questo sistema) ma era necessaria anche una versione francese. Senza dover cambiare nulla nella procedura, pochi minuti di lavoro sono stati sufficienti a preparare una versione funzionante in lingua francese. Utilizzando la stessa procedura, una versione specifica può essere preparata in pochissimo tempo per ogni linguaggio semplicemente traducendo le parole e le frasi inglesi con lo strumento multilingue specifico.

Un’altra caratteristica è la praticità con cui si può lavorare in rete, come dimostra l’esempio citato nell’introduzione, che si riferisce a un fatto realmente accaduto. Il programma è dotato di un sistema di allarme che scatta quando ci sono risultati anomali. E’ così che, nonostante si trovasse a Torino, il Professore si è accorto di un errore nell’inserimento di un risultato al circolo di Bologna e ha prontamente telefonato al direttore del torneo, che si è presentato al tavolo a chiedere conferma, sotto gli sguardi stupefatti dei giocatori.

A proposito di barometri, è ora possibile trasmetterli in diretta su Internet: un primo esperimento è stato effettuato con successo negli ultimi Campionati Regionali in Toscana ed è in programma di utilizzare questo nuovo strumento per le finali dei Campionati Nazionali a coppie.